Il #PD vota con la #Lega per affossare la cannabis legale

Nel giorno in cui il “The Guardian” pubblica i risultati di uno studio del think tank liberista “Adam Smith Institute” che dimostra come la legalizzazione della cannabis e derivati sia l’unica soluzione al problema della criminalità organizzata e della dipendenza da droghe leggere (con tutta un’analisi sui benefici in termini di maggiori entrate fiscali), il partito del Presidente del Consiglio che non perde occasione ogni giorno per dirci che “votate con Salvini” ha affossato insieme a quest’ultimo l’emendamento di Sinistra Italiana alla Legge di Bilancio per legalizzare la cannabis e destinare i maggiori incassi (fino a 5 miliardi) alla ricostruzione post sisma del terremoto dell’Italia centrale.

Insomma, su un tema come il referendum, dove l’asse destra/sinistra salta per ovvie ragioni, dato che non c’è in ballo alcuna poltrona governativa, il PD accusa di “votare con la destra”, poi però tace quando a votare con la destra facendo cose di destra è lui. Era evidentemente chiedere troppo qualcosa di sinistra da questo governo in questo clima da campagna elettorale permanente. Giusto per sapere, la proposta è stata sostenuta invece dal Movimento 5 Stelle, dagli ex dem Luca Pastorino e Pippo Civati e da Susanna Cenni, della sinistra Pd (in particolare, il voto su questo emendamento è stato l’unico per il quale è stato chiesto il controllo nominale per avere la certezza delle posizioni di ciascun componente della Commissione).

63 commenti su “Il #PD vota con la #Lega per affossare la cannabis legale”

Lascia un commento