Quirinale, tanto per riepilogare

di Pierpaolo Farina

Il Movimento 5 Stelle ha scelto il suo candidato alla presidenza della Repubblica: Milena Gabanelli. La grande giornalista d’inchiesta querelata prima da un colosso economico come ENI, ieri dal sindaco di Roma Gianni Alemanno per l’inchiesta sulle tangenti nella capitale.

Come avevo detto l’altro ieri, io spero che ad andare al Quirinale sia una persona come Stefano Rodotà, che, benché 80enne, ha tutte le carte in regole per svolgere un ruolo di garanzia (Pertini, per dire, divenne presidente a 82 anni). Ma se ci andasse la Gabanelli, che per tutta la vita si è battuta contro i poteri forti e che è diventata un simbolo del giornalismo di inchiesta e dell’Italia onesta, faccio i salti di gioia uguale.

Leggo che c’è chi mette in dubbio la legittimità del voto e altre amenità. Sinceramente, non mi interessa. Se anche l’ordine di arrivo fosse stato deciso a tavolino da Grillo e da Casaleggio, sarebbe la prima cosa giusta fatta dopo un mese di gaffe e di zappe sui piedi.

I tre nomi in ordine di arrivo del M5S (con cui mai sono stato tenero, per chi mi legge da un anno a questa parte), infatti, sono: Milena Gabanelli, Gino Strada, Stefano Rodotà. Più o meno ufficialmente quelli di Bersani e del PD sono: Giuliano Amato, Franco Marini e Anna Finocchiaro.

Senza andare a scomodare la spesa all’Ikea con la scorta, ci sono quintali di motivazioni per cui nessuno dei tre sopra citati ha le carte in regola per ricoprire la carica di capo dello Stato, a partire da Giuliano Amato.

Se il PD vuole suicidarsi, insista pure su quei nomi. Io, fossi in Bersani, convergerei su Rodotà, mettendomi d’accordo coi grillini, piuttosto che votare Amato per far felice Berlusconi.

Poi, per carità, ciascuno scelga pure di che morte politica morire.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

30 commenti

  1. Ma che articolo è? Più o meno ufficiali… qualche fonte? Io i nomi che girerebbero ‘nel PD’ li ho finora visti girare solo tra giornalisti e smentire dai dirigenti e dagli interessati. PS: perché se siamo uguali al PdL Grillo ci viene a dire “Bersani ci pensi”?

  2. chiaramente sarebbe la resa a Berlusconi, il probabile governissimo e siccome due più due fa quattro, sarebbe la fine…..definitiva del PD e, a quel punto, non escludo, anche se non la caldeggio, un SCISSIONE A SINISTRA……!!!!

  3. Il trio di Bersani è la ciliegina sulla torta dello sfacelo!

  4. Rodotà!! Gabanelli ha ottime qualità,ma da giornalista,non da capo di stato!! E la triade…..be’ spero che non diamo i numeri!!!

  5. Alessandro Mariotti attraverso Facebook

    e allora Pertini? non era già bello anzianotto quando fu eletto?

  6. Spero che Bersani torni tra noi…e prima di aprire bocca,legga almeno qualche pag di fb….lui e’ il primo di quelli che dovrebbe sparire…:Rodota’ e Gabanelli:persone che io vedo pulite…Il mio sogno?Avere Gino Strada al Ministero della Sanita’..

  7. Voglio fare una domanda, senza polemica. Premesso che sono entusiasta di Rodotà, perchè Amato, Marini e Finocchiaro sarebbero uno scandalo? Passi Amato, figura tutto sommato oscura, capisco Marini, forse non proprio un campione della politica, ma perchè la Finocchiaro? Polemica priva di senso sulla scorta all’Ikea a parte, perchè la Finocchiaro no?

  8. Mi stanno benissimo tutti e due… per essere presidente della Repubblica ci vuole dirittura morale e senso della comunità, entrambi ne sono abbondantemente provvisti

Lascia un Commento