Enzo Biagi: “Mutano i suonatori, ma la musica resta sempre la stessa”

Ho ritrovato un vecchio editoriale di Enzo Biagi, apparso sul Corriere della Sera prima delle elezioni del 27 marzo 1994, che avrebbero inaugurato la Seconda Repubblica, con la prima vittoria di Berlusconi. E’ straordinario constatare come, al tramonto della “Seconda Repubblica”, queste stesse parole abbiano mantenuto freschezza e immortalità, a riprova dell’incapacità di questo Paese di rinnovarsi attraverso una classe dirigente decente.

Scriveva Biagi:

Tutto dovrebbe cambiare: però, di solito, nel nostro paese, mutano di posto i suonatori, ma la musica resta sempre la stessa. C’è stato un tale rimescolio di candidati, dalle vecchie liste ai nuovi simboli, con un tripudio di conversioni da sinistra a destra e viceversa, che la via di Damasco, se facesse parte della topografia nazionale, dovrebbe essere gremita come Piccadilly Circus la notte di Capodanno.”

Manca poco meno di un mese alle elezioni, non si parla di programmi seri per rimettere in carreggiata il Paese, si parla solo di leader e alleanze… e dietro di loro, la via di Damasco affollata come Piccadilly Circus la notte di Capodanno.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

35 commenti

  1. negli anni sessanta il detto era così: gli uccelli cambiano ma i culi sono sempre gli stessi.

  2. un vecchio detto :
    cambian le sedie e gli sgabelli,ma i culi sono sempre quelli

  3. Fabio Konradter attraverso Facebook

    io la sapevo in un altra maniera: cambia il vaso da notte però il contenuto è sempre lo stesso (usando termini non volgari)

Lascia un Commento