Enzo Biagi: “Mutano i suonatori, ma la musica resta sempre la stessa”

Ho ritrovato un vecchio editoriale di Enzo Biagi, apparso sul Corriere della Sera prima delle elezioni del 27 marzo 1994, che avrebbero inaugurato la Seconda Repubblica, con la prima vittoria di Berlusconi. E’ straordinario constatare come, al tramonto della “Seconda Repubblica”, queste stesse parole abbiano mantenuto freschezza e immortalità, a riprova dell’incapacità di questo Paese di rinnovarsi attraverso una classe dirigente decente.

Scriveva Biagi:

Tutto dovrebbe cambiare: però, di solito, nel nostro paese, mutano di posto i suonatori, ma la musica resta sempre la stessa. C’è stato un tale rimescolio di candidati, dalle vecchie liste ai nuovi simboli, con un tripudio di conversioni da sinistra a destra e viceversa, che la via di Damasco, se facesse parte della topografia nazionale, dovrebbe essere gremita come Piccadilly Circus la notte di Capodanno.”

Manca poco meno di un mese alle elezioni, non si parla di programmi seri per rimettere in carreggiata il Paese, si parla solo di leader e alleanze… e dietro di loro, la via di Damasco affollata come Piccadilly Circus la notte di Capodanno.

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

35 comments

  1. negli anni sessanta il detto era così: gli uccelli cambiano ma i culi sono sempre gli stessi.

  2. un vecchio detto :
    cambian le sedie e gli sgabelli,ma i culi sono sempre quelli

  3. Fabio Konradter attraverso Facebook

    io la sapevo in un altra maniera: cambia il vaso da notte però il contenuto è sempre lo stesso (usando termini non volgari)

Lascia un commento