Arrestato il finanziere Proto, aveva appena rilevato Pubblico

“Sarà Il Fatto Quotidiano di destra“. Così aveva detto ieri Alessandro Proto, a proposito della nuova linea editoriale di Pubblico, l’ex-giornale di Luca Telese, rilevato per 400mila euro. Riassunti in blocco tutti i giornalisti e presi in carico anche i debiti del giornale, aperto il 18 settembre e chiuso il 31 dicembre.

Manco il tempo di un bicchiere di champagne che Proto è subito stato arrestato dalla Procura di Milano per manipolazione del mercato e ostacolo all’attività degli organi di vigilanza, per le vicende raccontate da Gianni Barbacetto proprio pochi giorni fa, il 10 febbraio.

L’articolo aveva suscitato una replica a dir poco sopra le righe dello stesso Proto:

Caro Barbacetto dei miei coglioni, 
l’articolo che ha scritto oggi è totalmente privo di ogni fondamenta su tutta la linea. Procederò per vie legali contro Lei e il Suo giornale. Ho fatto una offerta migliorativa a Aliberti di 6 milioni. Lei sa che Aliberti è in difficoltà e me la compro quella partecipazione e sa che ce ne sono altre in vendita. Mi dia qualche settimana e mi compro il giornale e la metto a pulire i cessi. Lei è la vergogna dei giornalisti. Scrive falsità solo per distruggere le persone. Con me non ci riuscirà frustrato di merda. 
Con stima, Alessandro Proto

Barbacetto, a proposito delle minacce, ha scritto oggi su facebook: “Cari amici problema risolto“.

La domanda è: e ora Pubblico che fine fa? Niente Fatto Quotidiano di destra? A quanto pare no…

P.S. Fatto di costume: nello scorso ottobre, Proto aveva parcheggiato l’auto nel parco dell’Arena a Milano, per arrivare in orario “ad un appuntamento urgente.

22 commenti su “Arrestato il finanziere Proto, aveva appena rilevato Pubblico”

Lascia un commento