L’insostenibile pretesa dell’apparenza

Forse non ce ne rendiamo conto. Ma i fatti accaduti in sequenza in questi giorni a Verona, Torino e Firenze non possono essere presi alla leggera. Non possono essere derubricati come, rispettivamente, fanatismo, leggerezza e follia.

Perché affermare, come ha fatto il blog Pontifex, che Francesco Pinna sarebbe morto per una punizione divina nei confronti di Jovanotti, reo di aver sponsorizzato il profilattico con Fiorello, non è semplice fanatismo: è un problema culturale e anzitutto politico. Perché se è vero che l’anti-clericalismo è un abito mentale in cui non bisogna aprioristicamente cadere, è anche vero che l’errore più grave e contrario, il clericalismo, ovvero la pretesa di imporre con la forza della religione la propria visione politica, non ammettendo spazi per quella altrui, non si può accettare. Perché, molto semplicemente, è incostituzionale.

E che dire della quindicenne che ha scatenato le pulsioni violente e razziste di quella Torino già famosa 40 anni fa per i cartelli “non si affitta ai meridionali”? La società intrisa di bigottismo e moralismo di facciata l’avrebbe preferita stuprata da uno zingaro, piuttosto che consenziente con il suo fidanzato. Una figlia stuprata vale quanto, e forse di più, di una figlia illibata? A quanto pare sì. Ed è una cosa che non può ridursi ad una semplice leggerezza della fanciulla, timorosa di prendere qualche ceffone dalla madre bigotta: è un problema culturale e politico. Culturale perché nel 2011 è ora di piantarla di mettere veti alla libertà sessuale di uomini e donne che sono naturalmente portati a fare sesso; politico, perché sgravare tutte le volte sullo zingaro, il nero, lo straniero in generale, le nostre colpe è una cosa che una civiltà progredita non dovrebbe più tollerare. Ma è evidente che non lo siamo.

E infine, Firenze, dove due senegalesi sono stati ammazzati. La ragione? Il colore della pelle. Uccisi da un neofascista che ora ha anche cultori inneggianti su facebook. E di chi è la colpa di tutto ciò? Soprattutto nostra. Perché per anni abbiamo appunto trattato casi del genere come fanatismo, leggerezza e follia. E invece erano tutti sintomi di un problema politico e culturale più complesso, che però la Sinistra ha volutamente ignorato per ragioni meramente elettorali e propagandistiche (per altro non riuscendo nell’intento).

Riscoprire la bellezza dell’essere, piuttosto che dell’apparire: perché pretendere di apparire qualcosa che non si è (democratici, onesti, illibate e via discorrendo), non fa male solo a noi stessi. Fa male anche agli altri.

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

Lascia un commento