L'AD del Lingotto, dopo le performances disastrose in giro per il mondo e in Europa, annuncia che Fiat potrebbe lasciare l'Italia, dopo aver stracciato i contratti nazionali con il benestare di ampi settori della politica. Lo stesso Monti lo definì un grande innovatore. E ora chi lo difendeva, cosa dirà?

Marchionne minaccia: “Lasceremo l’Italia”

Siamo una multinazionale e abbiamo attività in tutto il mondo: potremmo andare avanti anche senza l’Italia“. Tradotto: non avevo un piano industriale prima, non ce l’ho ora, quindi accuso i lavoratori di voler far saltare il tavolo, anche se ho stracciato i contratti collettivi e avevo promesso che in cambio avrei fatto miliardi di investimenti che prima non avevo fatto.

Sergio Marchionne, quello che Bertinotti chiamava nel 2006 “il padrone buono”, con cui Chiamparino era solito giocare a scopone scientifico e che si è comprato la Chrysler con, de facto, le sovvenzioni dello Stato italiano, ha gettato la maschera. Con buona pace di quelli, come il Sindaco di Firenze, che stavano con lui senza se e senza ma. Dei fallimenti di Marchionne aveva già parlato Milena Gabanelli. Poi noi avevamo sottolineato il suo terzo ricatto, passato sotto silenzio, e avevamo profetizzato come, alla fine, Marchionne avrebbe abbandonato l’Italia semplicemente per mancanza di un piano industriale credibile.

Ebbene, ora vorrei proprio vedere la faccia di quelli che hanno difeso fino all’ultimo il manager col maglione, il grande innovatore (Monti dixit), che in realtà si è scoperto essere solo uno spericolato speculatore in Borsa, visto che le sue performances in giro per il mondo nel campo delle automobili segnano un vistoso meno a due cifre. Ma tant’é, questo è quello che passa il convento. Ma state tranquilli, al massimo scenderà a fianco di Marchionne e di Cacciari a fare il terzo incomodo nel Terzo Polo degli ex-fascisti di Fini e dei democristiani mai pentiti di Casini.

In fondo, a loro che gliene frega di sbattere in mezzo alla strada centinaia di migliaia di lavoratori? Loro, lo stipendio, ce l’hanno e sempre molto alto. Tutto il resto, per loro, è solo noia.

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

6 comments

  1. Patrizia Indignata Brusoni attraverso Facebook

    Si, AFFAN……lo manderei.

  2. vabbene..ma ci ridanno 30 anni di cassaintegrazione…e l’alfa e la ferrari!!!

  3. a archionni se propio ve ne volete annà ,portatevi pur fassino. te lò chiede uno dei pochi comunisti rimasti.

Lascia un commento