No Tav

#Tav, la Francia la posticipa al 2030

La “Commission Mobilité 21”, la Commissione parlamentare per la Mobilità francese costituita da 6 parlamentari di diverso schieramento politico e da quattro tecnici, ha stabilito che il tratto sul territorio francese della Tav non è una priorità per il Paese e quindi la sua realizzazione va rimandata a dopo il 2030.

Comincia così l’inchiesta di Emanuele Bellano (Report) e continua con un risvolto clamoroso:  almeno fino al 2030, il nuovo tunnel internazionale, se mai venisse realizzato, resterà collegato a Lione solo attraverso la vecchia linea ferroviaria oggi esistente. Quindi, i famosi treni merci che hanno i vagoni troppo grandi per il vecchio tunnel… bhè, dovranno adeguarsi per almeno 17 anni.

Ecco, non per essere pedante, ma se per i francesi la tratta Torino-Lione non è una priorità, qualcuno mi spiega perché dovrebbe esserlo per l’Italia? Abbiamo i treni regionali conciati peggio d’Europa, sacrifici lacrime e sangue (sempre sui soliti noti) e si pensa a scavare un tunnel, devastando una valle, non si capisce bene per chi e per che cosa.

Forse qualcuno dovrebbe rivedere un attimo le proprie priorità.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento