pubblico

Arrestato il finanziere Proto, aveva appena rilevato Pubblico

“Sarà Il Fatto Quotidiano di destra“. Così aveva detto ieri Alessandro Proto, a proposito della nuova linea editoriale di Pubblico, l’ex-giornale di Luca Telese, rilevato per 400mila euro. Riassunti in blocco tutti i giornalisti e presi in carico anche i debiti del giornale, aperto il 18 settembre e chiuso il 31 dicembre.

Manco il tempo di un bicchiere di champagne che Proto è subito stato arrestato dalla Procura di Milano per manipolazione del mercato e ostacolo all’attività degli organi di vigilanza, per le vicende raccontate da Gianni Barbacetto proprio pochi giorni fa, il 10 febbraio.

L’articolo aveva suscitato una replica a dir poco sopra le righe dello stesso Proto:

Caro Barbacetto dei miei coglioni, 
l’articolo che ha scritto oggi è totalmente privo di ogni fondamenta su tutta la linea. Procederò per vie legali contro Lei e il Suo giornale. Ho fatto una offerta migliorativa a Aliberti di 6 milioni. Lei sa che Aliberti è in difficoltà e me la compro quella partecipazione e sa che ce ne sono altre in vendita. Mi dia qualche settimana e mi compro il giornale e la metto a pulire i cessi. Lei è la vergogna dei giornalisti. Scrive falsità solo per distruggere le persone. Con me non ci riuscirà frustrato di merda. 
Con stima, Alessandro Proto

Barbacetto, a proposito delle minacce, ha scritto oggi su facebook: “Cari amici problema risolto“.

La domanda è: e ora Pubblico che fine fa? Niente Fatto Quotidiano di destra? A quanto pare no…

P.S. Fatto di costume: nello scorso ottobre, Proto aveva parcheggiato l’auto nel parco dell’Arena a Milano, per arrivare in orario “ad un appuntamento urgente.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

22 commenti

Lascia un Commento