Se le scuole cattoliche chiudono non è un problema di Stato

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato
(art.33 della Costituzione, III comma)

 La nostra Costituzione, tutt’ora la più avanzata del mondo sotto parecchi punti, è oramai da una decina d’anni calpestata, derisa, umiliata, non attuata. In varie sue parti, a partire da quella su scuola e sanità.

Quando l’altro giorno Matteo Renzi diceva al dibattito tv che la riforma Berlinguer di sinistra aveva solo il nome non ha detto una falsità, anzi, la riforma è pessima e oggi ne paghiamo le conseguenze.

I contributi alle scuole private cattoliche pretesi da Angelo Bagnasco sono stati negati per mezzo secolo dalla Democrazia Cristiana, ma sono stati inaugurati proprio con la legge 62 del 10 marzo 2000 quando a Palazzo Chigi sedeva Massimo D’Alema e all’istruzione c’era Luigi Berlinguer: con il trucco dei bonus agli studenti per aggirare la Costituzione, i finanziamenti alle scuole private sono arrivati alla cifra record di mezzo milione di euro.

A questo si associa l’esenzione prima ICI, oggi IMU, che viaggia attorno ai 700 milioni di euro. Questo a fronte di oltre 9 miliardi di tagli alla scuola pubblica, che cade a pezzi. Infatti, chi manda il proprio figlio alla scuola privata di partenza i soldi ce li ha: non si vede perché, come dice Bagnasco, “lo Stato sarebbe giusto riconoscesse alle famiglie, che hanno diritto a scegliere per i propri figli l’istruzione che ritengono più idonea.

Lo Stato offre già un’istruzione libera, pubblica, ugualmente accessibile da tutti: chi vuole mandare i propri figli altrove, lo faccia a spese proprie, visto che questi bonus agli studenti sono indipendenti dal reddito. Le risorse che si ottengono si investano per migliorare le strutture e i servizi della scuola pubblica, piuttosto, che oramai sta diventando un lusso.

Lo diceva Piero Calamandrei l’11 febbraio 1950, nel suo famoso discorso sulla scuola pubblica (lo trovate integrale qui):

Il mandare il proprio figlio alla scuola privata è un diritto, lo dice la Costituzione, ma è un diritto il farselo pagare? È un diritto che uno, se vuole, lo esercita, ma a proprie spese. Il cittadino che vuole mandare il figlio alla scuola privata, se la paghi, se no lo mandi alla scuola pubblica. Per portare un paragone, nel campo della giustizia si potrebbe fare un discorso simile. Voi sapete come per ottenere giustizia ci sono i giudici pubblici; peraltro i cittadini, hanno diritto di fare decidere le loro controversie anche dagli arbitri. Ma l’arbitrato costa caro, spesso costa centinaia di migliaia di lire. Eppure non è mai venuto in mente a un cittadino, che preferisca ai giudici pubblici l’arbitrato, di rivolgersi allo Stato per chiedergli un sussidio allo scopo di pagarsi gli arbitri!

E se si guarda la data di quel discorso e lo si confronta con quanto è avvenuto negli ultimi 15 anni a tal proposito, si capisce bene in quale drammatica situazione ci ritroviamo oggi, con questa Sinistra il cui pantheon è composto da papi, cardinali e democristiani. Scriveva sempre Calamandrei:

 Ma c’è un’altra forma per arrivare a trasformare la scuola di stato in scuola di partito o di setta. Il totalitarismo subdolo,indirettotorpido, come certe polmoniti torpide che vengono senza febbre ma che sono pericolosissime. […]

Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori – si dice – di quelle di stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private.

Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. […]

L’operazione si fa in tre modi:

  1. ve l’ho già detto: rovinare le scuole di stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni.
  2. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette.
  3. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico! […]

Questo dunque è il punto, è il punto più pericoloso del metodo. Denaro di tutti i cittadini, di tutti i contribuenti, di tutti i credenti nelle diverse religioni, di tutti gli appartenenti ai diversi partiti, che invece viene destinato ad alimentare le scuole di una sola religione, di una sola setta, di un solo partito.

Ecco, il denaro di tutti i cittadini, di tutti i contribuenti: non si capisce proprio perché le scuole private cattoliche debbano avere denaro e privilegi in più rispetto non solo alla scuola pubblica, ma anche a qualsiasi altra scuola privata. Se le scuole cattoliche chiudono non è un problema di Stato: lo è se chiudono quelle pubbliche. La Sinistra, su questo fronte, latita. Il Partito Democratico esultava per aver assicurato 223 milioni alle scuole private: e quelle pubbliche? Chiedete ai papi, ai cardinali e ai democristiani.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.