"Io come il Bossi delle origini", dice il comico in un'intervista a Ferruccio Sansa, sul Fatto. E annuncia: "Siamo pronti per governare l'Italia, distruggendo Destra e Sinistra."

Grillo: “Noi come la Lega delle origini. Faremo la rivoluzione”

Quando Ferruccio Sansa, nell’intervista sul Fatto, gli chiede che il Movimento 5 Stelle sarebbe come la Lega, Beppe Grillo non ha esitazioni a rispondere: sì.

Ma vi ricordate la Lega prima maniera, quando Bossi andava nelle piazze piene di gente e urlava che Berlusconi era mafioso, che la politica romana era ladrona? Era molto più duro del Pd. Girava in canottiera e a riascoltarlo oggi sembra quasi uno statista. Ma poi si è perso per strada, con i compromessi, le poltrone, i soldi.

Alla domanda che garanzia ci possa dare il Movimento 5 Stelle di non fare la stessa fine, Grillo fa notare che “Noi chiediamo due cose: che i candidati abbiano il certificato penale pulito e che abitino dove si candidano. È già una rivoluzione.

Che è quanto ha fatto Berlusconi nel ’94 (e già allora si parlava di rivoluzione), per cavalcare l’onda lunga di Tangentopoli e dirsi diverso dai politici corrotti che foraggiava e gli regalavano le prime leggi ad personam. Inoltre, Mattia Calise vive a Segrate, aveva già provato a diventare consigliere 5 stelle nella sua città, e ora entrerà a Palazzo Marino. La prima “eccezione”?

Grillo è sicuro che: “Qualcuno lo perderemo per strada, entrerà anche qualche furbo. Ma stiamo attenti a chi si imbarca con noi, perché adesso tutti vogliono salire sul carro. Vedo gente che fa tripli salti mortali.”

Quando gli fa notare che amministrare un Comune è cosa ben diversa dal governare un Paese, Grillo risponde: “noi siamo il neorealismo della politica: abbiamo tolto gli attori di professione, per mettere sul palco gente comune. Ma attenzione, non gente qualunque: ci sono professori, architetti, medici, manager.

Su una cosa è chiaro: “Finora ci siamo concentrati sulle proposte concrete, adesso dovremo anche trovare un’identità politica. Ideale. E saremo pronti per il prossimo passo: governare.

Caspita, eppure tutto quel citare Berlinguer e Pertini pensavamo che ad una specifica identità politica, “ideale” rimandasse: quella della Sinistra. E quando gli viene implicitamente fatto notare, Grillo confonde ancora una volta gli ideali e il popolo della Sinistra con la sua deprimente classe dirigente: “Mi fanno pena. Dicono che abbiamo gli stessi ideali, ma dov’erano quando si votavano l’indulto e lo scudo fiscale? Quando si doveva votare una legge sul conflitto di interessi? Quando passavano leggi ad personam? Ecco, io con questa gente non ho molto a che fare.

Ebbene, le proposte concrete, è vero, ci sono. Ma non ci sono gli ideali. E come ho già avuto modo di dire l’altro ieri, quando Grillo, tanto per cambiare, diceva che Destra e Sinistra sono la stessa cosa e che Pisapia governerà come la Moratti, dubito fortemente che quell’orizzonte politico, ideale, culturale che ha animato persone come Berlinguer e Pertini, possa essere ricostruito da gente che è abituata a distruggere per ricostruire. Mi vengono in mente i “costruttori di soffitte” di Gramsci.

Ma questa è un’altra storia e ne parleremo un’altra volta.

 

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

51 commenti

  1. e c’è ancora qui chi lo difende……non mi ricordavo fino a ieri a chi somigliava grillo ora m’è venuto in mente…..a bossi…..stesso modo di parlare (dicendo parolacce) e stesso modo di intendere la politica, attaccare tutti gli altri ma stare con tutti. La lega sta al governo e dice che però chi vota lega fa un voto di protesta e la stessa cosa fa grillo siamo alle comiche finali

Lascia un Commento