In 6 mesi i labouristi, cambiando leader e tornando a dire qualcosa di sinistra (o anche solo di civiltà) sono 10 punti avanti i conservatori, i lib-dem sono ridotti al 9% e se si votasse oggi, avrebbero una maggioranza di 100 deputati. Ora che hanno da dire lor signori riformisti?

La lezione di Ed Milliband alla Sinistra italiana

Dicevano che era troppo di Sinistra, troppo intellettuale, troppo anticonformista. E che il Labour era destinato a scomparire per lasciare il posto ad una nuova sinistra, quella dei liberal-democratici di Nick Clegg. Cosa che, ovviamente, sei mesi fa ha fatto scatenare la curva destra del Pd e tutti i terzopolisti alla Rutelli e alla Casini, che con la Sinistra non hanno mai avuto a che fare.

Il Socialismo è morto”, ci hanno ripetuto per mesi. “Non vedete che accade in Europa?

Verrebbe da dire, visti i risultati delle elezioni in tutta Europa, anche elettorali, “Il Socialismo è vivo, quando lo faremo rinascere in Italia, magari escludendo dal pantheon chi lo ha ucciso con una dose letale di tangenti?

Ebbene, mentre in Italia la classe dirigente erede del più grande partito comunista d’Occidente, per sopravvivere a se stessa, ha cambiato tra partiti e coalizioni ben 4 volte nome, mantenendo la stessa classe dirigente (esclusi i deceduti), in tutta Europa, guarda un po’, sono talmente strani che cambiano la classe dirigente mantenendo lo stesso partito, rafforzandone e rinnovandone tuttavia l’identità e la tradizione. Consci del fatto che un partito, senza memoria e senza radici, non esiste. E che la Sinistra, senza valori ideali, non vive e non vince.

E difatti, è bastato spazzare via l’impresentabile classe dirigente logorata da 13 anni di esercizio del potere e tutti i disastrosi postumi e mutazioni genetiche del blairismo, che se si andasse a votare oggi, il Labour otterrebbe una schiacciante maggioranza di 100 parlamentari.

Ed Milliband, che qualcosa di sinistra (o anche solo di civiltà) la dice, ha portato il Labour nei sondaggi al 45%, con 10 punti di vantaggio sui conservatori, riducendo al lumicino i lib-dem, che rischiano di sparire dal parlamento con il 9% dei voti. Tutto questo in 6 mesi. Fortuna che il Labour era morto e che senza Blair non avrebbe avuto alcuna speranza di resuscitare (Blair in compenso è stato avvistato l’ultima volta rincorso da schiere di elettori che gli lanciavano uova marce).

Nell’intervista che ha rilasciato ad Enrico Franceschini su Repubblica, il leader labourista, 41 anni, dice: “Basta con la politica elitaria, bisogna aprirsi alla gente, uscire dalla bolla del potere, da Westminster, per capire cosa vuole la società.”

In Italia gli avrebbero già dato del grillino fautore dell’anti-politica, uno che fa il gioco di Berlusconi e tutte le altre amene balle che usano schiere di trinariciuti e presunti riformisti per difendere la classe dirigente esistente (che sistematicamente fa il gioco di Berlusconi).

La questione chiave è un’altra e a mio parere è finora rimasta senza risposta: l’ineguaglianza. Non più solo la vecchia ineguaglianza tra ricchi e poveri, ma anche quella tra chi sta al vertice della scala sociale e chi sta nel mezzo ma si sente sempre più schiacciato.”

Ecco, un leader della Sinistra che parla di ineguaglianza, cita Gramsci (prima di Sanremo, si intende), partecipa alle manifestazioni pubbliche contro i tagli, se la prende con i “white collars” e la corruzione che ha danneggiato anche il suo partito, chiude i conti con il passato e apre una nuova pagina del progressismo britannico. C’è chi, due anni fa, cercava l’Obama italiano: se è troppo Obama, si faccia avanti il Milliband italiano. Perché noi Italiani ne abbiamo proprio bisogno.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

56 commenti

  1. ahahahaha a giancarlo ma che stai a di? il PCi era un partito vero con dei personaggi comunisti e carismatici, e sopratutto non aveva democristiani di merda. il Pd non è un cazzo…

  2. Millibrand non è certo troppo a sinistra… Esaltarlo mi sembra eccessivo. Contando che appoggia Obama e la guerra in Libia…

  3. A parte che mi sembra non confrontabile il partito laburista con qualsiasi partito italiano, tuttavia, mi sembra che non si tenga conto che il PD non ha alcunchè da condividere con quanto esisteva di simile in proposito in Italia e neppure si riscontra all’estero. Esso, forse qualcuno non lo considera, esiste da poco tempo perchè lo si possa confrontare con qualsiasi altra formazione esistente e deriva da una fusione di formazioni eterogenee . Affinchè possa esserci un’amalgama di idee, proposte e di leader, occorreranno altri anni. Se non si tene conto di questo, tutti i discorsi che si fanno sulle pecche e sui traguardi mancati, sono senza logica. Lo sappiamo tutti che il PCI è stato un’espressione autentica e poplare; peraltro i tempi fanno mutare tutto e le intuizioni di Berlinguer, condivise da Moro e da altri rappresentanti degli schieramenti un tempo antagonisti, dovevavo essere praticate immediatamente. Nonostante tutto, quelle intuizioni e proposte sono attualissime e solo dandone la massima fiducia si potranno realizzare appieno e farne avere il massimo successo. Chi teorizza su una sinistra unita e un centro separati, è contrario alla modernità e alle diverse esigenze odierne.

  4. Bell’articolo, ma quella del “grillino”, scusate, è una cazzata, Milliband è leader del principale partito d’opposizione, Grillo ha fondato l’ennesimo partito impotente utile solo a dividere gli antiberlusconiani. Sono due cose ben diverse…

  5. Caro Pierluigi cosa aspettiamo per parlare con questa chiarezza ? Decidiamo se dobbiamo rappresentare il mondo del lavoro, che oggi sembra non avere voce oppure il mondo di Walter l’Africano, ma anche, ma anche, ma anche………..

  6. Caro Pierluigi cosa aspettiamo per parlare con questa chiarezza ? Decidiamo se dobbiamo rappresentare il mondo del lavoro, che oggi sembra non avere voce oppure il mondo di Walter l’Africano, ma anche, ma anche, ma anche………..

Lascia un Commento