“Vivo perché la memoria non muoia” – Piero Terracina

La sua vita cambiò a 15 anni, nella notte del 7 aprile 1944, quando venne portato via insieme alla sua famiglia dalle SS nel ghetto romano, mentre pregavano per la Pasqua. Raccontava che, probabilmente, furono venduti da un ragazzotto che era stato rifiutato da sua sorella Anna, per vendetta e per soldi: un ebreo valeva 5 mila lire, loro erano in otto, erano tanti soldi in tempo di guerra. La tesi fu avvalorata dal fatto che tra i fascisti che li stavano portando a Regina Coeli, Anna riconobbe quel ragazzo. 

Non amava le celebrazioni, le trovava retoriche, ma amava andare nelle scuole a parlare coi giovani, per raccontare la sua storia, quello di un ragazzo che diventa “fuori legge” perché ebreo e sopravvive all’orrore dell’Olocausto lasciando però nei forni di Auschwitz tutta la sua famiglia. 

Era preoccupato dal clima di odio e intolleranza che ha portato, tra le altre cose, all’assegnazione della scorta a Liliana Segre. Alimentato dalle diseguaglianze economiche e dalla necessità del sistema di trovare un capro espiatorio che non abbia grandi mezzi per difendersi dalle masse, in genere l’altro, il diverso, lo straniero. 

Quando gli chiesero in una scuola cosa gli avesse dato la forza di vivere, disse: “Oggi vivo perché la memoria non muoia“. Oggi ci ha lasciato, all’età di 91 anni, e il testimone che ci lascia è pesante e importante. Perché come disse Primo Levi: “È accaduto, quindi potrebbe accadere di nuovo“.

 

Commenta con il tuo account Facebook

About Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Check Also

Addio Pierina, grazie

La chiamavano “la biondina della Val Taleggio” e si conquistò quel soprannome quando decise di …

Lascia un commento