Siamo tutti compagni

Oggi il ricordo ed il pensiero non possono che andare alle donne e agli uomini morti per la loro, per la nostra libertà. Non so dove mio nonno e tanti altri come lui abbiano trovato il coraggio, adolescenti, di rischiare la propria vita per la Democrazia. Ragazze e ragazzi che hanno fatto la Storia con le loro braccia, con le loro gambe, con le le loro scarpe rotte. E’ giusto celebrarli, canatre le canzoni che fischiettavano nelle montagne, ma non basta. Non hanno lottato perchè un uomo avesse la libertà di comprare tutto: parlamentari, coscienze, silenzi, false testimonianze, ragazzine. Alcuni di loro non sono morti per ridurre il parlamento nel collegio difensivo di un plurindagato. Dobbiamo continuare a resistere, per la loro memoria e per il nostro futuro: nelle piazze, nelle scuole, nei social network. Dobbiamo resistere alle mafie, al razzismo, all’omofobia; dobbiamo coltivare ed ampliare il sogno unitario in senso europeo e globale, spezzando le catene dell’individualismo:siamo tutti compagni su questo Pianeta. Buon 25 aprile a tutte e a tutti.

42 commenti su “Siamo tutti compagni”

Lascia un commento