Gente come Calearo, Razzi, Scilipoti, Cesario, Villari, non sarebbero mai stati eletti, così come l'infinita schiera di trombati e servi zelanti (nella migliore delle ipotesi) che passano da destra a sinistra senza mantenere un minimo di coerenza tra ideali e comportamenti e tra parole e fatti. E poi dicono che c'è l'anti-politica.

La Balena Berlusconiana

Eccoci di nuovo qua. Con lo spettro delle elezioni anticipate che si fa sempre più concreto e che minaccia di rigettare il Paese nell’ennesima campagna elettorale qualunquista e populista, condotta da un premier che, attraverso una legge elettorale definita una porcata dal suo stesso ideatore, porterà per la terza volta in 5 anni alla nomina di un Parlamento, anzichè alla sua elezione, sempre più sotto ricatto da un uomo solo (per quanto riguarda la Destra) e sempre più in mano alle segreterie dei partiti (per quanto riguarda centro e la Sinistra).

La Lega parla tanto di federalismo, ma la legge elettorale che porta il nome del suo esponente più in vista, ha definitivamente spezzato ogni rapporto tra Parlamento e territorio, tra cittadini ed istituzioni.

Gente come Calearo, Razzi, Scilipoti, Cesario, Villari, non sarebbero mai stati eletti, così come l’infinita schiera di trombati e servi zelanti (nella migliore delle ipotesi) che passano da destra a sinistra senza mantenere un minimo di coerenza tra ideali e comportamenti e tra parole e fatti. E poi dicono che c’è l’anti-politica.

Ma se un politico non dà l’esempio, che deve dire di fronte a questo indegno e indecoroso mercato delle vacche un giovane già di per sè disinteressato alla politica? E’ ovvio che dica: “La politica fa schifo, sono tutti uguali.”

Non è un caso, infatti, che Berlusconi, per far dimenticare quel disastro del predellino di 3 anni fa, oggi cerchi immediatamente di liquidarlo, affidando a Scajola (il ministro della casa a sua insaputa) la creazione di un nuovo soggetto politico: la vecchia DC.

La Balena Berlusconiana dovrebbe depotenziare il Terzo Polo e distruggere quel che resta del PD, ma c’è da interrogarsi sulle reali probabilità di successo di un soggetto neo-centrista e populista, in un sistema bipolare che Grandi Centri o Terzi Poli fa di tutto per scongiurarli.

L’ennesimo cambio di nome e simbolo probabilmente avrà successo, ma il passato recente dimostra che se dietro al partito non c’è l’idea e l’obiettivo (che non sia solo quello della difesa di interessi ad personam), questo partito fallisce, si spacca: il modello aziendale funziona quando c’è un capo e sotto di lui una schiera di servi e imbecilli che vivono politicamente solo grazie a lui, e di regola non è un partito democratico. Il PDL si è spezzato sotto il peso dell’autoritarismo e della poca democrazia interna, quindi è difficile credere che una nuova Balena Bianca, per natura e storia connotata da correntismo e clientelismo, possa nascere e crescere senza la nascita di correnti, cacicchi e satrapi di varia natura.

Il PD, dal canto suo, a parte tornare a dire e a fare Qualcosa Di Sinistra (ne va della sua sopravvivenza e della sopravvivenza stessa del buon senso a Sinistra), dovrebbe anche riuscire a mettere in campo la famosa alternativa, di cui i contorni fatico ancora a vederli chiari e tondi.

E per quel che mi riguarda, Vendola rimanga pure in Puglia: dire che il centrosinistra quando era al governo non ha governato, quando proprio lui è stato tra quelli che nel 1998 fecero cadere il Governo Prodi per un solo voto alla Camera, lo trovo offensivo e volgare. Altro che poeta.

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

Lascia un commento