Il Teatro degli Indecenti

La rubrica di Antonino Roseto

#Puglia, quanto vale una vita umana?

Quanto vale una vita umana? Quanto valgono le speranze, i sogni, i dolori e i sacrifici di un’anima? Non è facile, per me, parlarne. La rabbia è tanta. E non per il fatto che io sono pugliese. Di fronte a certe tragedie, quando muoiono esseri umani, che siano pugliesi, toscani, italiani, ghanesi o indiani, il dolore è difficile da trattenere …

Read More »

La #Sinistra e quella distanza umana tra politica e popolo

Scendo di casa, vado a farmi una passeggiata. Faccio dieci metri. Una voce mi saluta, gentile, in un italiano approssimativo. Io ricambio il saluto, lui mi porge il cappello. Cerco nelle tasche, gli do quello che posso. Lui mi stringe la mano, io gli sorrido e riprendo la passeggiata. In giro, ragazzi. Ragazzi come me. Ragazzi che non hanno una …

Read More »

Camminiamo su ciò che spegne i sorrisi dei nostri bambini

Notti insonni. Senti il tuo bambino piangere, ti alzi per andare a controllare. Magari è il tuo primo figlio, l’ansia sale alle stelle al primo colpo di tosse. Noti un rigonfiamento sul collo, la mattina lo porti immediatamente dal pediatra. Ti consiglia di sottoporre il bambino a delle analisi. Lo porti in ospedale, e attendi con ansia i risultati. Dopo …

Read More »

Caso #Boschi, che #Sinistra è quella che tutela le #Banche?

Chiariamo la questione una volta per tutte. Potrebbero (e il condizionale è d’obbligo) anche non esserci le condizioni per parlare di conflitto di interessi, ma qui stiamo parlando di buonsenso, di correttezza politica, di etica. Stiamo parlando del caso della Banca Popolare dell’ Etruria, salvata dal Decreto Salva-Banche di Renzi, e della polemica che si è scatenata attorno al ministro …

Read More »

Lo sdoganamento del #razzismo

“Negro! Vai a raccogliere caschi di banane in Africa!”. Sono parole rivolte da alcuni spettatori a un ragazzino di quattordici anni, di origine nord-africana, durante una partita di calcio giovanile. “Non servite consumazioni ai nordafricani”, cosi il gestore di un bar ai suoi dipendenti. Un marocchino aveva semplicemente chiesto un caffè. “Brutta scimmia, torna nel tuo Paese. Ti mando all’ospedale!”. …

Read More »

#Grecia, scusate se abbiamo sognato

Abbiamo sognato. Ma ci siamo svegliati. Il 13 Luglio 2015. Scusateci. Scusate se abbiamo creduto che un’altra Europa fosse possibile. Che fosse possibile un’Europa al cui centro ci fossero davvero i popoli. Scusate se crediamo ancora che la parola democrazia abbia un valore inestimabile, che la sovranità appartenga al popolo. Quel popolo che ha detto NO all’austerity dell’elite europea. Si, perché …

Read More »