#Taranto, ora #Renzi scopre la lotta alla #mafia

Il nostro Presidente del Consiglio, che nel suo discorso di insediamento 3 settimane fa non ha trovato necessario citare nemmeno una volta la parola “mafia” (salvo nella replica alla Camera) e non ha voluto dire niente circa le sue intenzioni sulla lotta alla criminalità organizzata di stampo mafioso, si è improvvisamente destato sul tema e il suo governo del “fare” si è subito messo all’opera. Come mai?

L’occasione l’ha data il triplice omicidio di Taranto, che ha creato un’attenzione mediatica senza precedenti semplicemente perché a perdere la vita, nel regolamento di conti, vi era anche un bambino di tre anni. Da padre Renzi dice di sentirsi addolorato per questa morte atroce e il governo, tramite Alfano, ha inviato 60 tra carabinieri e poliziotti per far vedere che lo Stato c’è e combatte… peccato che 60 unità in tutta la provincia di Taranto sia come una goccia nell’oceano e non è certo con provvedimenti estemporanei (e totalmente mediatici) che si può anche solo pensare di contrastare efficacemente il fenomeno mafioso.

Probabilmente, i responsabili dell’omicidio alla notizia si saranno fatti una risata: conoscono il territorio molto meglio delle nuove unità aggiuntive messe là a scopo dimostrativo. Del resto, già con il siluramento di Gratteri alla giustizia si era capita l’aria che tirava sul fronte della lotta la mafia.

Ma la domanda vera è: ma affinché le istituzioni si diano da fare veramente nella lotta alla mafia deve prima morire un bambino di 3 anni?

Ai posteri l’ardua sentenza.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia – Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro “Casa per Casa, Strada per Strada”. Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento