#Renzi, fai Piazza #Berlinguer a #Firenze

A fine luglio avevamo rilanciato, come ragazzi di enricoberlinguer.it, la nostra vecchia petizione del settembre 2012 per una Piazza ad Enrico Berlinguer a Firenze. Pare che di questo periodo Enrico vada molto di moda, vuoi anche per il lavoro nostro degli ultimi 5 anni, vuoi perché la Sinistra, quando è in crisi, ritorna sempre ad agitare la carta romantica del leader più amato del PCI.

A quanto pare Matteo Renzi, per coprirsi a sinistra, si prodigherà anche lui in un ricordo di Enrico Berlinguer. L’Huffington Post titolava ieri: “Renzi sulle tracce di Berlinguer“, cosa che mi ha fatto immaginare il sindaco di Firenze con un cane da tartufo alla ricerca del leader del PCI. Chissà la faccia, quando avrà scoperto che non era poi così di destra come affermavano i gruppettari del ’77, famosi per i sampietrini a Luciano Lama.

Ironie a parte per lo scalatore meglio attrezzato per raggiungere il vertice del PD, non sarebbe male se il Sindaco di Firenze facesse “qualcosa di sinistra” (forse l’unica a Firenze), intitolando una piazza ad Enrico Berlinguer. Stia tranquillo: qualora la facesse, non saliremmo sul suo carro, anche perché ci troveremmo in evidente imbarazzo assieme ai vari Franceschini, Fassino e compagnia andante. Il bandwagoning non è nel nostro dna. Da un punto di vista utilitaristico, lui vuole coprirsi a Sinistra, noi vogliamo Piazza Berlinguer a Firenze, che gli darebbe modo di farlo.

In amicizia, poi, torneremo cortesi avversari, anche perché noi, a differenza dei tanti convertiti sulla via del probabile seggio parlamentare, abbiamo la memoria lunga (altrimenti non avremmo creato una web-community di 300mila iscritti dedicata ad un comunista morto 29 anni fa).

Dopo tanti anni di ex-PCI, chissà che Firenze non abbia la sua piazza Berlinguer con un sindaco ex-dc. Ce lo auguriamo.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento