speranza

#Speranza: “Per il #PD #Berlusconi è eleggibile”. Ma non per la legge

A proposito di Tafazzi, il capogruppo del PD alla Camera Roberto Speranza ha dichiarato negli studi de La7 che ‘‘Anche se le sentenze su Mediaset confermano che Berlusconi era ed è ‘dominus’ delle sue aziende, la linea del partito è chiara, per noi non è ineleggibile. E’ la legge, compresa quella del ’57, a dirlo”.

E dire che la famosa legge 361 del 1957 è parecchio chiara. L’articolo 10 comma 1 della legge dichiara che non sono eleggibili “coloro che in proprio o in qualità di rappresentanti legali di società di imprese private risultino vincolati con lo Stato per contratti… oppure per concessioni o autorizzazioni amministrative di notevole entità economica“.

Avendo Silvio Berlusconi de facto la proprietà di tre reti televisive, non sarebbe eleggibile affatto, a meno di una vendita (reale) del gruppo televisivo che controlla. Come diceva anche Indro Montanelli: “Il problema del conflitto di interessi si risolve con la vendita.

Perfino la legge Mammì, che a partire dal 1990 ha permesso al Cavaliere di possedere (unico caso nel mondo occidentale) tre reti televisive, conteneva una norma che avrebbe potuto far dichiarare ineleggibile Berlusconi: all’articolo 12, stabiliva la nascita del “Registro nazionale delle imprese radiotv” in cui allineare tutti i concessionari; non solo le società, ma anche (secondo l’articolo 17) “le persone fisiche che detengono o controllano le azioni”.

Nel ’94, nel ’96, nel 2001, nel 2006, nel 2008 la legge non è stata applicata. Oggi si discute nella giunta per le elezioni, ma a quanto pare il PD è popolato da Tafazzi che godono nel far infuriare il proprio elettorato. Poi si domandano perché non vincono le elezioni, Grillo prende il 25%, 6 italiani su 10 restano a casa alle amministrative.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

1 Commento

Lascia un Commento