Giovanni-Bollea

Salviamo l’Istituto di Neuropsichiatria Infantile di Giovanni Bollea

Sul blog di Beppe Grillo è apparso l’appello di Marika Bollea, moglie di Giovanni Bollea, padre fondatore della Neuropsichiatria infantile italiana. Noi di Qualcosa di Sinistra ne avevamo parlato già nel 2011. Ovviamente, ricondividiamo l’appello.

***

“Sono Marika Bollea, moglie del Professor Giovanni Bollea, ormai vedova da 2 anni. Giovanni è stato il padre fondatore della Neuropsichiatria infantile italiana. Ha scritto 270 opere scientifiche e fondato 350 centri di Neuropsichiatria Infantile e Neuropsicopedagogia in giro per l’Italia che portano il suo nome. Ora che è defunto vogliono chiudere l’Istituto che versa in condizioni finanziarie disastrose, senza denaro neppure per per gli inservienti delle pulizie, figurarsi per le borse di studio dei medici specializzati. Hanno ridotto gradatamente i posti letto e non sostituiscono i medici che vanno in Pensione per diminuire di fatto l’organico e portarlo gradatamente alla chiusura. La Polverini prima di andarsene ha dato circa 10 miliardi di vecchie lire al Bambin Gesù, Ospedale Neuropsichiatrico vaticanista che rifiuta l’Istituto laico fondato da Giovanni e dato all’Università e alla città di Roma. Non si può lasciar morire (per poi chiuderlo) l’Istituto di Neuropsichiatria Infantile fondato da Giovanni Bollea, mentre le madri aspettano anche 6 mesi una visita, pur di essere aiutate dai suoi validissimi allievi.” Marika Bollea

Commenta con il tuo account Facebook

Qualcosa di Sinistra

1 Commento

  1. Mela Monorchio attraverso Facebook

    chiediamo alla Chiesa un po’ dell’8xmille

Lascia un Commento