rosy bindi

Un dato è certo: Rosy Bindi & co. se ne devono andare

Se Matteo Renzi vincerà le primarie domenica prossima la prima telefonata di ringraziamento la deve fare a lei: Rosy Bindi. Se va ancora in televisione un paio di volte a rappresentare Pier Luigi Bersani, per il segretario del PD è finita. Questo, ad oggi, è l’unico dato certo.

La scandalosa performance televisiva (non la prima) della Presidente del PD ieri su RaiTre ha fornito più di una conferma a chi si era domandato se avesse fatto bene a votare Matteo Renzi solo per la famosa “rottamazione”: tra lei e tutta la vecchia guardia ex-ds ed ex-margherita non si contano più oramai le imbarazzanti comparsate televisive che hanno convinto migliaia di persone a scegliere il pupo fiorentino, benché indigesto ai più sotto parecchi punti di vista.

Quanta gente, pur di levarsi dalle scatole le Bindi, i Marini, i D’Alema e compagnia cantante, ha votato e voterà Matteo Renzi? Tanti, tantissimi. E non perché piaccia la rottamazione, ma semplicemente perché non se ne può più di questa gente con un passato fallimentare che è sempre lì a dirti cosa bisogna fare per vincere, ostentando quell’arroganza e quella presunzione tipici dei politicanti da quattro soldi.

Inoltre, il vaffa in diretta alla Berlinguer è solo la punta dell’iceberg, una conferma di più che, vinca Renzi o Bersani, quelli/e come Rosy Bindi se ne devono andare: non rappresentano più nessuno, sono distanti anni luce dai problemi della gente e, politicamente, non possono offrire più nulla e contribuire con idee al rilancio del Paese. Con una battuta: la Berlinguer fa bene il suo mestiere, la Bindi difende male la sua poltrona.

Se Bersani vuole vincere, domenica, dichiari pubblicamente che farà piazza pulita di questa gente e che favorirà il ricambio puntando sui tanti giovani che pur ci sono nel PD. Se vuole consegnare il Paese a Matteo Renzi, mandi in onda qualche altra volta Rosy Bindi: con lei, il risultato è assicurato.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento