berlinguerbenigni

Quando Benigni prese in braccio Berlinguer, davanti a 1 milione di persone

Il Papa a Milano ha recitato messa davanti a 1 milione di fedeli, bloccando la città di Milano per tre giorni. Quando in Piazza Duomo un pensionato di 63 anni ha provato ad esporre un cartello contro il Vaticano, è stato subito bloccato dalla Digos, malmenato e portato in questura, dove è stato denunciato (non si capisce per che cosa). Il malcapitato è dovuto andare in compenso all’ospedale a farsi medicare. Fanno più paura le idee delle pistole, ma questo è normale. Stessa fine per chi ha provato ad esporre uno striscione in favore delle unioni civili: sequestrato dalla Digos perché contrario alla morale (quale, non si sa).

Di fronte al comizio anti-statale più costoso della storia repubblicana, mi viene però in mente un altro comizio, quello che Enrico Berlinguer pronunciò ad una manifestazione della FGCI a Roma, il 17 giugno 1983. Quella in cui, per intenderci, fu preso in braccio da Roberto Benigni. Anche lì, ad assistere a quell’evento, ci fu un milione di persone.

La differenza è sostanziale: quell’evento non costò l’equivalente di allora degli attuali 13 milioni di euro spesi da Comune, Provincia e Regione per far venire il Papa a Milano; soprattutto, le istituzioni  non sborsarono una lira per finanziare l’evento. Tutto a spese del Partito Comunista Italiano. Come del resto doveva essere.

Quindi, mi scuseranno i ferventi difensori del valore aggiunto del Papa a Milano, ma quel milione di persone che era a Roma 29 anni fa ad ascoltare Enrico Berlinguer non creò i disagi che hanno creato il milione di fedeli papalini, con imponenti misure di sicurezza, zone a traffico limitato, blocchi del traffico e via discorrendo.

E intendiamoci, se il Papa è il capo della cristianità, allora Berlinguer era il capo della più grande eresia vivente comunista, la più grande in Occidente. E aveva anche lui la scorta.

Della serie: la classe non è acqua.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento