Terremoto, da due giorni lo Stato non risarcirà più le vittime

Oltre al danno, la beffa. La notizia era apparsa in un rettangolino sul Corriere della Sera, l’altro giorno, nelle ultime pagine. La nuova riforma della Protezione Civile varata dal Governo Monti ha introdotto una novità in linea con il pensiero liberista che finora l’ha animato: mai più lo Stato pagherà per i danni causati da calamità naturali.

Dopo aver introdotto la “tassa sulle disgrazie”, attraverso l’aumento dell’accise della benzina, il Governo ha quindi introdotto la possibilità per il cittadino che voglia tutelarsi da calamità naturali di sottoscrivere un’assicurazione privata. E chi non se la può permettere? Si arrangi, le casse del Tesoro sono vuote e il messaggio, chiaro e devastante, è uno solo: non contate più sullo Stato.

Poi si chiedono perché qualcuno va dietro alle sirene del populismo e della demagogia: come non si può essere inferociti contro una cosa del genere? Con un tempismo perfetto, di fronte a 6 morti, 50 feriti, 3mila sfollati, danni per milioni a beni storici e artistici, l’unica certezza è questa: lo Stato non pagherà.

E’ questa l’Italia che vogliamo? Quella del cinismo dei tecnici, che guardano solo ai conti? Caro Bersani, il PD in Parlamento avrebbe dovuto fare le barricate contro una vergogna del genere… possibile che arriviate sempre dopo? Possibile che dovete sempre darci motivo per farci cascare le braccia (per non dire qualcos’altro)?

Una cosa è certa: in Emilia-Romagna non arriverà un euro. E voglio proprio vedere con che faccia certa gente esprimerà solidarietà alle vittime.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento