Siamo tutti in ansia pre-natalizia, i negozi già si preparano, i bambini si preparano la letterina, ma... non tutti i bambini avranno un albero di Natale o un regalo quest'anno. Troppi. Come Matteo, che a Babbo Natale ha chiesto questo: un lavoro per suo padre, che lo ha appena perso...

Il regalo di Natale di Matteo

Forza, corri, c’è il piumino a 10 euro al Coin. Su, fai in fretta, c’è la promozione prendi 3 paghi 2 nel super-mega-iper centro commerciale sulle palline di Natale. E tu che leggi, cosa aspetti? Non vedi che arriva il Natale? Dovremmo essere tutti più buoni a Natale… o almeno così da piccolo ho sempre pensato. Perché, in fondo, la magia del Natale dovrebbe stare proprio in questo, nel fatto che i buoni ricevono i regali e i cattivi ricevono il carbone…

Una volta era così. Almeno nell’immaginario popolare. Eppure da quando qualche giorno fa ho incontrato Matteo (nome di fantasia) con la sua mamma, che si ritrova da sola a tirare avanti la carretta, ho un peso sul cuore che non riesco proprio a levarmi. Il papà di Matteo ha appena perso il lavoro e così una famiglia che stava bene è diventata una famiglia che sta male e fa fatica ad arrivare alla fine del mese.

Carla (sempre nome di fantasia) e suo marito non hanno mai fatto mancare nulla a Matteo e alla sua sorellina: nel limite del possibile, hanno sempre cercato di dargli tutto, a cominciare dalla cultura. Matteo ha 9 anni e come tutti i bambini ha diritto a vivere la sua età giocando, divertendosi, dando libero sfogo alla propria creatività. Eppure quando la mamma gli ha chiesto cosa volesse per Natale, lui ha risposto: un lavoro per papà.

E Carla è scoppiata a piangere perché avrebbe preferito di gran lunga che Matteo le chiedesse un giocattolo, un libro, un videogioco, qualsiasi cosa… per non spezzare il suo sogno… così hanno deciso che il giorno di Natale diranno a Matteo che il papà ha trovato lavoro. Ma rimane una magra consolazione. Perché, a meno di miracoli, il papà di Matteo non troverà lavoro per Natale, chi se lo prende a 44 anni?

Quando studi economia, ti dicono che il miglior tasso di disoccupazione è quello che si aggira intorno al 3%. Prima del 2001, quando era più basso, molti economisti americani addirittura si lamentavano. A loro, in fondo, non importa nulla delle vite che stanno dietro a quel 3%, loro uno stipendio, e anche bello alto, ce l’hanno.

Ecco, diceva Enrico Berlinguer: “Non sarebbe venuto il momento di costruire una società che non sia un immondezzaio?“, e lo diceva nel 1981. A distanza di 30 anni, questa società è peggio di un immondezzaio, è una fogna. Forse non è giunto il momento di fare qualcosa per cambiare?

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

46 commenti

  1. Giancarlo, dire che lei deve vergognarsi, è dir poco. E sulla bacheca di Berlinguer non si accettano insulti a chicchessia, né un linguaggio da scaricatore di porto. Se le è chiaro, bene, altrimenti agiremo di conseguenza. EB.IT STAFF

  2. altro che magone mi viene.Io lo vorrei per mia figlia che ha pure una bambina.

  3. Questa risposta fa tutt’uno con l’affermazione di Pertini circa la falsa liberta’ e con la massima di Goethe “Nessuno e’ piu schiavo di chi si crede libero senza esserlo”

  4. Gervasio Lumare attraverso Facebook

    SAREBBE IL CASO DI RIVOLGERSI AL BERLUSCONISMO E A CHI CONTINUA A SOSTENERLO! AVEVA RAGIONE “CROZZA”. POVERI CRISTI, IN CHE MANI SIAMO STATI!!!! SPERIAMO CHE SPARISCONO DALLA POLITICA UNA VOLTA PER SEMPRE. SONO PEGGIO DELLA GRAMIGNA!!!!

Lascia un Commento