Cultura

Ma cosa c’entra Allende con i gulag?

Oggi è l’11 settembre. E fin qui, l’avete visto dal calendario. Undici anni fa le Torri Gemelle venivano buttate giù da un attentato terroristico di Al Queda, provocando 2974 morti: tra questi 343 erano vigili del Fuoco e 60 poliziotti, tutti impegnati nei soccorsi. Per 11 anni ci hanno mostrato ad ogni anniversario quelle immagini per giustificare guerre e interessi …

Read More »

Benigni non prese in braccio Berlinguer a Reggio Emilia

Dunque, ieri c’è stato lo show di Roberto Benigni alla Festa Democratica di Reggio Emilia. Non so sinceramente il perché, ma a quanto pare giornali e giornalisti, che con gli archivi dovrebbero avere una certa dimestichezza, puntualmente sbagliano a contestualizzare il famoso episodio di Benigni che prende in braccio Enrico Berlinguer. Oramai per la vulgata ufficiale Benigni prese in braccio …

Read More »

Il senatore costretto a lavorare anche di lunedì

Italiani, è ora che ci facciamo piacere le brioches, se siamo fortunati qualche buonanima in Parlamento ce ne regalerà qualche briciola. Al Senato succede di tutto e di più, anche che tale Astore si lamenti dello schiavismo, quella pratica orribile per cui lui e i suoi colleghi sono costretti a lavorare di lunedì come se fossimo delle bestie che devono …

Read More »

Jorge Amado: la cultura che terrorizza i dittatori

Cento anni fa nasceva Jorge Amado, un comunista militante (membro e poi deputato per il PCB, oggi Partito Popolare Socialista) e un autore sovversivo, caratteristiche che gli costarono più volte l’esilio. Ma anche il carcere, come nel 1937, quando, ancora in cella, venne informato del rogo dei suoi libri nella pubblica piazza. Cosa faceva così paura dei libri di Amado al neodittatore Vargas, un …

Read More »

Tiro al bersaglio (olimpico)

L’ultimo attacco alle Olimpiadi, sul leitmotiv del panem et circenses, arriva dal blog di Beppe Grillo. Il post è più che altro un collage di retorica e presunzione già visto sui quotidiani nazionali (ne fa un bel ritratto Gramellini su La Stampa), di chi dall’alto di non-si-sa-bene-cosa, pontifica sulla stupidità e ignoranza del popolino che per qualche ora abbandona la …

Read More »

De André? Borghese, cazzaro e sopravvalutato. Se lo dice Rolling Stone…

Demolire le presunte icone della sinistra dovrebbe diventare sport olimpico. A contendersi l’oro ci sarebbero Rolling Stone e Il Giornale, con la loro crociata contro colui che, ai loro occhi, è per tutti  San Fabrizio De André da Genova. Fare la parte degli intellettuali scomodi e controcorrente è un bel giochetto che rinvigorisce l’ego, perciò via alla fiera delle banalità: De André …

Read More »