Cultura

Chiedo scusa ma ti racconto – poesia per #GiulioRegeni

Chiedo scusa ma ti racconto, quando la rabbia è al tramonto. Tu sognavi un miglior Mondo, che ti vuole mettere in sottofondo. Sana e brillante la tua mente, cuore colmo di esperienze, giù il cappello allo studente che scruta mondi e credenze. Fuoco e fiamme in Medio Oriente, tornano divise di generali armati. Caos Egitto sotto la tua lente, come …

Read More »

I giovani a Franceschini: prolunga #Cinema2Day

Arriva dal Municipio VII di Roma Cinecittà una lettera di alcuni giovani al Ministro della Cultura Dario Franceschini. L’ideatore e primo firmatario, Luca Di Egidio, classe 1995, studente universitario, ha messo insieme altri ragazzi e ragazze studenti e lavoratori attivi sul territorio romano, chiedendo la proroga fino a giugno dell’iniziativa Cinema2Day, che il secondo mercoledì del mese permetteva di andare …

Read More »

Addio Prof, grazie per tutte le domande. E le risposte

Non è facile per chi non lo ha conosciuto e non si è formato sui suoi libri capire lo smarrimento e il senso di vuoto che produce una notizia come la morte di Zygmunt Bauman. Ai più non dirà nulla, ma per noi studenti di sociologia alla ricerca di qualcosa di diverso dalle teorizzazioni dominanti e da quel conformismo intellettuale …

Read More »

Quella crisi del linguaggio, specchio della crisi del Paese

La crisi linguistica è probabilmente uno degli aspetti più degradanti della società attuale. Una crisi, forse, più profonda di quella economica e, senza alcun dubbio, visceralmente legata a quella politica. In questi giorni se ne è un po’ parlato in rete, complice la morte di Tullio De Mauro, pioniere degli studi linguistici in Italia, anche se non con la dovuta attenzione. …

Read More »

Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno

di Antonio Gramsci, l’Avanti, 1° Gennaio 1916 «Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno. Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il …

Read More »

Ai #FratelliCervi, alla loro Italia

Il 28 dicembre 1943, 73 anni fa, Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio ed Ettore Cervi venivano fucilati a Reggio Emilia dai fascisti, in risposta all’uccisione da parte dei partigiani del segretario comunale di Bagnolo in Piano Davide Onfiani. Poco prima di morire, il più giovane, Ettore, scrisse queste parole: Ero il cinno, quello più piccolo e quello più amato. Ma solo …

Read More »