Caro Gherardo, candidati a Sindaco di #Milano

gherardo colombo appello

Caro Gherardo Colombo,

ti scriviamo in qualità di cittadini e cittadine di questa straordinaria città che è Milano. Molti di noi sono giovani studenti, altri hanno qualche anno in più, ma quel che ci accomuna è la passione per questa città che abbiamo cercato di rendere un posto migliore, impegnandoci ogni giorno nel nostro piccolo vivere quotidiano, ciascuno nel suo campo di competenza. Molti di noi sono impegnati nel movimento antimafia e proprio in virtù di quella comunanza di valori ideali che ci lega alla tua storia abbiamo deciso di scriverti.

Milano è un posto migliore oggi rispetto a cinque anni fa e vogliamo che continui ad essere più bella, più libera, più sicura, più partecipata. Vogliamo che la straordinaria esperienza di Giuliano Pisapia non resti una piccola parentesi, soprattutto per quanto riguarda l’impegno quotidiano per una buona amministrazione, fondata sui valori della trasparenza, dell’onestà e dell’ascolto delle istanze dei cittadini, prioritarie rispetto a qualsiasi altro interesse di parte o di partito.

Ti scriviamo in qualità di orfani, perché tali ci sentiamo: nessuna delle attuali proposte in campo ci rappresenta e può rappresentarci alle prossime elezioni comunali. Milano non ha bisogno di un Sindaco con più di un’ombra sul suo passato proprio sul tema della trasparenza (ogni riferimento a Expo è voluto), né di uno che sia condizionato da quelle stesse persone che hanno sprofondato la nostra città nel baratro politico, etico e morale in cui si trovava prima di Giuliano Pisapia.

Milano ha invece bisogno di un Sindaco che sappia ascoltare, che incarni determinati valori e sappia unire le diverse storie che hanno arricchito questa città, senza lasciare indietro nessuno, senza trasformare la Politica, che è una cosa bellissima, in quel mero esercizio del potere a cui molti l’hanno ridotta. Un Sindaco che si prenda cura della città e dei suoi cittadini e non si preoccupi di soddisfare determinati interessi privati, che pensi al Bene Comune, che rispetti la Costituzione e la renda viva nel proprio agire quotidiano. Un Sindaco in continuità con l’esperienza di Giuliano Pisapia, che renda Palazzo Marino una casa di vetro aperta a tutti i cittadini.

Milano ha bisogno di una persona come te: con il tuo spessore culturale, con il tuo senso delle istituzioni, con la tua passione civile. Per questo, appena abbiamo saputo che stavi davvero prendendo in considerazione la possibilità di candidarti a Sindaco, abbiamo deciso di rivolgerti queste parole, per farti semplicemente sapere che noi ci siamo e saremo al tuo fianco, qualora volessi impegnarti, in questa battaglia per una Milano che non torni ad essere governata dallo stesso sistema di potere che l’ha sfasciata.

Non sei solo: siamo in tanti a condividere questo disagio e per questo ti chiediamo di essere il candidato Sindaco di tutti noi orfani che non vogliamo rassegnarci al sogno di una Milano che guardi al futuro e non torni a sprofondare nel passato.

Con sincera stima e amicizia,

Pierpaolo Farina
Martina Mazzeo
Gianmarco Crescentini
Federica Cabras
Hermes Mariani
Sarah Mazzenzana
Samuele Motta
Valeria Biasco
Thomas Aureliani
Monica De Astis
Mattia Maestri
Claudio Paciello
Arianna Bianchi
Carlo dalla Chiesa
Dora dalla Chiesa
Marco Fortunato
Letizia Pradella
Francesco Terragno
Emilia dalla Chiesa
Demetrio Villani
Arianna Zottarel
Luca Marchesi
Roberto Nicolini

SE CONDIVIDI ANCHE TU L’APPELLO, PUOI FIRMARLO QUI:

Caro Gherardo, candidati a Sindaco di #Milano

Caro Gherardo Colombo,

ti scriviamo in qualità di cittadini e cittadine di questa straordinaria città che è Milano. Molti di noi sono giovani studenti, altri hanno qualche anno in più, ma quel che ci accomuna è la passione per questa città che abbiamo cercato di rendere un posto migliore, impegnandoci ogni giorno nel nostro piccolo vivere quotidiano, ciascuno nel suo campo di competenza. Molti di noi sono impegnati nel movimento antimafia e proprio in virtù di quella comunanza di valori ideali che ci lega alla tua storia abbiamo deciso di scriverti.

Milano è un posto migliore oggi rispetto a cinque anni fa e vogliamo che continui ad essere più bella, più libera, più sicura, più partecipata. Vogliamo che la straordinaria esperienza di Giuliano Pisapia non resti una piccola parentesi, soprattutto per quanto riguarda l’impegno quotidiano per una buona amministrazione, fondata sui valori della trasparenza, dell’onestà e dell’ascolto delle istanze dei cittadini, prioritarie rispetto a qualsiasi altro interesse di parte o di partito.

Ti scriviamo in qualità di orfani, perché tali ci sentiamo: nessuna delle attuali proposte in campo ci rappresenta e può rappresentarci alle prossime elezioni comunali. Milano non ha bisogno di un Sindaco con più di un’ombra proprio sul suo passato proprio sul tema della trasparenza (ogni riferimento a Expo è voluto), né di uno che sia condizionato da quelle stesse persone che hanno sprofondato la nostra città nel baratro politico, etico e morale in cui si trovava prima di Giuliano Pisapia.

Milano ha invece bisogno di un Sindaco che sappia ascoltare, che incarni determinati valori e sappia unire le diverse storie che hanno arricchito questa città, senza lasciare indietro nessuno, senza trasformare la Politica, che è una cosa bellissima, in quel mero esercizio del potere a cui molti l’hanno ridotta. Un Sindaco che si prenda cura della città e dei suoi cittadini e non si preoccupi di soddisfare determinati interessi privati, che pensi al Bene Comune, che rispetti la Costituzione e la renda viva nel proprio agire quotidiano. Un Sindaco in continuità con l’esperienza di Giuliano Pisapia, che renda Palazzo Marino una casa di vetro aperta a tutti i cittadini.

Milano ha bisogno di una persona come te: con il tuo spessore culturale, con il tuo senso delle istituzioni, con la tua passione civile. Per questo, appena abbiamo saputo che stavi davvero prendendo in considerazione la possibilità di candidarti a Sindaco, abbiamo deciso di rivolgerti queste parole, per farti semplicemente sapere che noi ci siamo e saremo al tuo fianco, qualora volessi impegnarti, in questa battaglia per una Milano che non torni ad essere governata dallo stesso sistema di potere che l’ha sfasciata.

Non sei solo: siamo in tanti a condividere questo disagio e per questo ti chiediamo di essere il candidato Sindaco di tutti noi orfani che non vogliamo rassegnarci al sogno di una Milano che guardi al futuro e non torni a sprofondare nel passato.

Con sincera stima e amicizia,

Pierpaolo Farina
Martina Mazzeo
Gianmarco Crescentini
Federica Cabras
Hermes Mariani
Sarah Mazzenzana
Samuele Motta
Valeria Biasco
Mattia Maestri
Claudio Paciello
Monica De Astis
Carlo dalla Chiesa
Dora dalla Chiesa
Emilia dalla Chiesa

[signature]

93 signatures

Condividi con i tuoi amici:

   

Ultime sottoscrizioni
93Marko MedicMar 10, 2016
92Andrea BerettaMar 09, 2016
91Marco Dal TosoMar 09, 2016
90anna pardoMar 09, 2016
89Enrica PadovanMar 07, 2016
88Omar Roberto Zamri Mar 07, 2016
87Elena CaimiMar 06, 2016
86Claudia CostaMar 06, 2016
85Pina GiorgioMar 06, 2016
84Eugenia FannaMar 06, 2016
83Paolo Tafuro Mar 06, 2016
82Bruno CasellaMar 06, 2016
81Alessio ArenostoMar 06, 2016
80Lina MontiMar 06, 2016
79francesco AllegraMar 05, 2016
78Angelo PiantoniMar 05, 2016
77Antonio RennaMar 05, 2016
76patrizia signoriniMar 05, 2016
75Francesco Greco Mar 05, 2016
74Adriana GrecoMar 05, 2016
73Francesco Rocco RossiMar 05, 2016
72luciana calgaroMar 05, 2016
71Domenico De FeliceMar 05, 2016
70gina broccoloMar 05, 2016
69Martina GrecoMar 05, 2016
68Filippo BenedettoMar 05, 2016
67lina leddi dellacàMar 04, 2016
66Alice PedroniMar 04, 2016
65gianluigi gambaMar 04, 2016
64Sara PainaMar 04, 2016
63Francesca PainaMar 04, 2016
62Pier Luigi PainaMar 04, 2016
61luisella MajocchiMar 04, 2016
60Cinzia MaestriMar 04, 2016
59Mario PolitoMar 04, 2016
58cinzia maria cioliMar 04, 2016
57Anna Maria CarlucciMar 04, 2016
56ANDREA GIROTTIMar 04, 2016
55Paola RossiMar 04, 2016
54andrea bagnoliMar 04, 2016
53rosa alba miceliMar 04, 2016
52grazia casagrandeMar 04, 2016
51Salvatore NunziataMar 04, 2016
50Carmelina MirandaMar 04, 2016
49Loris MazzoleniMar 04, 2016
48bebo stortiMar 04, 2016
47Moreno NossaMar 04, 2016
46Antonio SaviottiMar 04, 2016
45Dario Peruzzi Mar 04, 2016
44Antonio ScarpullaMar 03, 2016

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

63 commenti

  1. Mi sbaglierò, vorrei sbagliarmi, ma se si candida farà la fine ingloriosa di Ingrata.

  2. Ragazzi togliamoci dalla mente questi pregiudizi di appartenenza politica o meno. Mi soffermo solo sulla statura morale e la reputazione dei personaggi in argomento che sono indiscutibili ed inoppugnabili. Almeno queste sono delle garanzie

  3. Karl Slaifer anche solo per gli occhiali

  4. Purtroppo è vero. Le persone serie, brave, oneste e capaci spesso non vengono votate. Ed anche se lo fossero verrebbero fagitate dagli squali o lupi della politica. L’amara realtà è che anche un grande uomo dotatissimo poi non lo fanno governare liberamente perchè il sistema organizzativo è legato alle coalizioni e alle poltrone. A mio avviso si dovrebbe cambiare radicalmente tutto a cominciare dagli uomini da scegliere. Dovrebbero rappresentarci gente volontaria che non deve percepire neanche un centesimo, salvando solo le spese vive qualu vitto, pernottamento e trasporto per recarsi a roma o nei posti ove svolgere il mandato. Solo così si eliminerebbero i tanti sprechi, i mercenari e i delinquenti che oggi occupano gli scznni immortanti si fzrebbero da parte automaticamente perchè non più remunerztivo per loro. Penso che migliorerebbero tante cose perchè zndrebbe solo gente petbene a svolgere una vera mussione per il popolo…

  5. Una domanda, ma se Colombo che fu insieme a Di Pietro il demolitore della seconda repubblica per poi arrivare a quello in cui ci troviamo Oggi; si dovesse candidare nei M5s, voi tutti che lo bramate, lo votereste?

Lascia un Commento