#Amato, ma perché?

Giuliano Amato. In principio, fu Dottor Sottile (copyright Eugenio Scalfari, mi pare), in veste di vice-segretario generale del PSI di Bettino Craxi. Da allora in poi è stato quattro volte deputato, due volte premier, due volte ministro del Tesoro, ministro dell’Interno, presidente Antitrust, vicepresidente della Convenzione europea, presidente della Treccani, della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e del Comitato dei garanti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, consulente di Deutsche Bank, consigliere di Monti per i tagli ai costi della politica.

Ora al suo curriculum potrà aggiungere anche la carica di giudice costituzionale. Una domanda al Presidente della Repubblica: con tutti i giuristi che ci sono in Italia, perché proprio Amato? Nella lista da cui pescare c’era, ad esempio, Stefano Rodotà.

Non capisco, non mi adeguo. Poi dicono che uno perde la fiducia nelle istituzioni.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento