Gli impresentabili siamo noi

A ridosso delle elezioni sui giornali si fa a gara nell’elencare gli impresentabili di qualsivoglia formazione e i partiti si dilettano in operazioni di pulizia più o meno degne di questo nome. Ma la recidiva è cosa assai difficile da debellare e gli impresentabili si ripresentano, con fattezze diverse, così da confonderci e ingannarci. A Montecitorio, a palazzo Madama e a palazzo Chigi, è un’invasione, è una metastasi.

A nulla sembrano servire gli appelli alla società civile o riunire bande di onesti. Sembra quasi che non esistano.

E infatti non esistono.

Il parlamento e il governo italiano, le lunghe file di impresentabili che aspirano a una poltrona anche solo per godere nell’imporre la propria visione distorta del mondo, sono il perfetto campione statistico della cosiddetta società civile. Così se si va a pescare nella più remota piazza di paese un futuro deputato o sottosegretario non sarà difficile trovarvi l’omertoso, il negoziante che non fa lo scontrino da ben prima della crisi, lo studentello un po’ cafone che se non è ignorante è di certo presuntuoso, il cattolico così praticante che vorrebbe far praticare il cattolicesimo a tutti, l’esterofilo pieno di boria, il raccomandato.

Perfino Gesù, nello scegliersi a malapena dodici collaboratori, imbarcò un impresentabile: appare inconfutabile che in quel tempo, fra i giudei, mediamente uno ogni dodici preferisse il tesoro all’amicizia.

Il tentativo di pesca miracolosa non andrà quindi a buon fine se non si pensa molto prima ad allevare irreprensibili pesciolini. L’errore per noi è di vecchia data, quella in cui facemmo l’Italia e poi iniziammo a voler fare gli italiani. Peccato non essere mai riusciti a farci e finirci.

Questa è una confessione nazional-elettorale di un Paese in cui chi non è corrotto è per forza corruttore. Questa mia voluta generalizzazione spero vivamente vi offenda. Io mi sento già così diffamata che quasi quasi mi querelo da sola.

Commenta con il tuo account Facebook

Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

1 Commento

Lascia un Commento