berlusconi-renzi-2

Matteo, rimembri ancora le visite ad Arcore?

Tipico di chi sa di non avere possibilità, Matteo Renzi ora è partito all’attacco della dirigenza del PD evocando l’inciucio. Lo ha ribadito anche questa mattina al videoforum su Repubblica: “Ho terrore dell’inciucio.”

Il punto è che Renzi non evoca tanto l’inciucio (quello reale) consumatosi ai tempi della Bicamerale D’Alema con Berlusconi e che è all’origine di tutti i mali d’oggi e delle lacerazioni a Sinistra e che, data la crisi dei due interlocutori principali, è alquanto improbabile si possa ancora realizzare.

No, lui punta il dito contro un ipotetico inciucio che ci potrebbe essere tra il PD e l’UDC. E qui casca un po’ il Matteo (o l’asino, fate voi). Anzitutto perché l’inciucio (definizione varata per la prima volta da D’Alema nel ’95, ca va sans dire) è tale se avviene tra le principali forze politiche dei due poli contrapposti (quindi, tra PD e PDL), in secondo luogo perché a partire dalla Regione Sicilia l’UDC è il principale alleato del PD in molte amministrazioni. E non mi pare che al riguardo Renzi abbia obiettato qualcosa.

Anzi, l’archivio giornalistico ci ricorda molto bene come ai tempi della sua prima campagna elettorale a Sindaco il pupo fiorentino si lamentò coi giornalisti dicendo che fu proprio la dirigenza PD a non volere l’accordo con l’UDC (lui ruppe con la Sinistra). Infatti, quando Paola Binetti nel 2009 annunciò alla stampa: “Renzi è il PD che vorrei“, di fronte alle polemiche lui replicò: «Paola Binetti mi appoggia? Che problema c´è, non vedo la notizia. Lei voleva l´accordo con l´Udc e lo volevo anche io ma purtroppo non c´è stato»

Ma tornando all’inciucio, anche al suo comizio milanese Renzi ha rivendicato con orgoglio: “Ad Arcore ci ritornerei anche domattina“. Ecco, bravo Matteo: ad Arcore ritornaci pure. E restaci. A quanto pare ti trovi bene e da quella parte sono pronti ad accoglierti a braccia aperte.

P.S. Per la cronaca, non ho votato al primo turno e mi guardo bene dal giustificarmi per andare a votare al ballottaggio. Tutti sanno però che su questo blog abbiamo combattuto Renzi sin dalla Leopolda numero 1. E continueremo a farlo, benché gente come la Bindi ci abbia tentato più di una volta a schierarci ventre a terra col pupo fiorentino pur di non vederla più nei talk show televisivi a distribuire vaffa a destra e a manca.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento