3_Piazza_università-Catania2_2

Scandalo a Catania: la cattedra di storia ad un architetto (senza dottorato)

Poi si chiedono perché i giovani fuggono all’estero. Ma perché mai dovrebbero rimanere in Italia a studiare, a lavorare e a fare ricerca? Per lottare tutti i giorni contro un sistema che ha abolito la selezione per merito e adotta oramai da decenni quello per cooptazione servile?

Ne sa qualcosa Giambattista Scirè, 37 anni, una laurea in Storia contemporanea, un dottorato di ricerca in Studi Storici sull’Età moderna e contemporanea, e ben 5 anni di assegni di ricerca in progetti in storia contemporanea (M-Sto/04). All’attivo pubblicazioni di caratura nazionale su argomenti come il rapporto tra cattolici e laici nell’Italia repubblicana (edito da Carocci) e la storia dei diritti civili, in particolare le leggi su divorzio e aborto (editi da B. Mondadori).

Aveva partecipato al concorso per un posto di Storia contemporanea (settore M-Sto/04) alla Facoltà di Lingue di Ragusa dell’Università di Catania, finendo per essere il primo degli esclusi. La vincitrice? Una laureata in architettura. A fine dicembre il rettore premia la candidata vincitrice, ma Giambattista non si dà per vinto e fa ricorso al Tar, vincendolo.

Risultato? La commissione torna riunirsi e conferma la sua scelta. Insomma, Per insegnare storia contemporanea è meglio un architetto (anche se le sue pubblicazioni scientifiche sono state valutate la metà dei punti di quelle del secondo classificato).

Ora il caso finisce in Parlamento, con un’interrogazione da parte del deputato del PD Paolo Corsini, al Ministro Profumo.

Come si evince dal testo dell’interrogazione parlamentare, la commissione nominata dal rettore dell’ateneo catanese, Antonino Recca, e formata dai docenti Simone Neri Serneri dell’Università di Siena (eletto presidente della stessa), Luigi Masella dell’Università di Bari, e Alessandra Staderini dell’Università di Firenze, dichiarava vincitrice del concorso Melania Nucifora con il punteggio di 89,3 punti, contro gli 86,45 punti del secondo classificato Giambattista Scirè, che decideva subito di ricorrere al Tar.

Il motivo? Ufficialmente la ragione del ricorso amministrativo era «la non congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando». La Nucifora, infatti, è in possesso di una laurea non in Storia ma in Architettura, non possiede alcun titolo di dottore di ricerca (requisito fondamentale e preferenziale per partecipare a qualsiasi tipo di concorso universitario), e risulta avere un profilo scientifico-disciplinare non congruente con il settore del concorso bandito, perché in possesso di un master in pianificazione del territorio (settore Icar-15) e di alcuni assegni di ricerca in storia dell’architettura (settore Icar- 18). E’ evidente, come peraltro ammette nel testo di riconvocazione la stessa commissione, che si tratta di una “collocazione relativamente eccentrica rispetto alla declaratoria della Storia contemporanea“.

Eppure la commissione ha deciso di considerare carta straccia l’ordinanza del Tar e di riconfermare l’esito del concorso.

Al momento di stabilire i criteri specifici di valutazione, i commissari abbassavano, rispetto ai criteri usati da altre commissioni, proprio il punteggio massimo da attribuire al titolo del dottorato di ricerca (portandolo da 7 a 4 punti), titolo non in possesso della vincitrice.

Lo stesso accadeva con la modifica del punteggio attribuito ad ogni singola monografia, che risultava decisiva al fine di dichiarare vincitrice l’architetto Nucifora. In realtà, come sottolinea l’interrogazione, Scirè otteneva ben 110 punti sulle pubblicazioni (abbassati poi a 70 a seguito del tetto massimo fissato dal bando catanese in modo, con tutta evidenza, anti-meritocratico), mentre la vincitrice appena 63, ma questo a nulla è valso ai fini del punteggio finale. Inoltre, se il punteggio assegnato alle singole monografie fosse rimasto, come stabilito da altre commissioni, di 10 punti e non di 20, le distanze tra i due candidati sarebbero state ben più rilevanti, il che avrebbe dato la vittoria indiscutibilmente a Scirè.

La lista degli elementi di anomalia nel concorso, riportati nell’interrogazione, continua: oltre ai dubbi criteri di valutazione e all’incongruità dei titoli della vincitrice, Corsini evidenzia il fatto che alcuni saggi presentati in concorso dalla Nucifora sono contenuti in due volumi curati dallo stesso presidente della commissione Neri Serneri e che un volume scritto dallo stesso è stato inserito tra i libri di testo adottati dalla vincitrice del concorso in un suo precedente programma di esame (non in storia contemporanea ovviamente bensì in storia dell’architettura) affidatole dall’Università di Catania.

Morale? Ordinaria indecenza italiana. Questa gente non merita solo di essere espulsa a vita dall’Università, ma anche di farsi parecchi anni di galera per truffa ai danni dello Stato e, soprattutto, dello studente. La notizia va diffusa il più possibile. Basta con baroni, nani e ballerine.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

1 Commento

Lascia un Commento