Dopo il successo dello sciopero generale, il governo si dimetta. E l'opposizione si dia un programma che al primo posto abbia la Questione Morale.

E ora questo governo si dimetta (e l’opposizione si svegli)

Dunque, lo sciopero generale della CGIL è stato un successo. Lo dicono le oltre 100 piazze d’Italia stracolme di lavoratori e di cittadini che si sono stancati di pagare per i soliti ignoti che sono i principali responsabili di questa crisi (prima morale che economica).

Un governo che non gode più della fiducia degli Italiani, che si appresta a varare la seconda manovra in due mesi di tagli e sacrifici per pochi, dovrebbe rimettere il mandato nelle mani del Presidente della Repubblica. Perché se oggi siamo qui a fare una seconda manovra è perché gli speculatori finanziari (quelli che a livello europeo e globale non si vogliono colpire) giocano proprio sulla debolezza e la crisi politica di questo governo.

La Spagna, che sta messa peggio di noi, a novembre andrà ad elezioni anticipate (di un paio di mesi, anziché di un paio d’anni, ma fa lo stesso), e magicamente la speculazione si è affievolita, anziché intensificarsi. Dunque cade anche l’ultimo argomento per evitare le elezioni degli esponenti di governo e maggioranza, interessati ovviamente a mantenere solo la propria poltrona di potere e di prestigio (quale prestigio, oramai, non si sa bene).

Stando agli ultimi sondaggi, il Partito democratico è al 29,5%, mentre il Pdl è sceso al 25%. E il centrosinistra (Pd-Idv-Sel) è avanti di nove punti sul centrodestra. Paradossalmente, lo stesso vantaggio che aveva nel 2005, prima che però scoppiasse lo scandalo Unipol-Bnl che da allora viene usato da Berlusconi e soci per dire che “siamo tutti uguali”. I vertici sono sempre gli stessi, le grane, con il caso Penati, forse più gravi.

Eppure sarebbe ora che il centrosinistra mettesse da parte divisioni e personalismi inutili e dannosi, si sedesse attorno ad un tavolo per compilare un programma fattibile e serio e annunciasse la tanto agognata (dagli elettori) coalizione. E sarebbe il caso di fare pulizia in tutti i partiti che ne faranno parte di corrotti, collusi, cretini e contenti che ci siano i primi tre.

Perché è chiaro che al primo posto di questo programma dovrà esserci l’impegno a ricostruire una moralità pubblica che oggi non esiste grazie a vent’anni di realpolitik e di appiattimento del centrosinistra a improbabili teoremi della modernità craxiana. Ricostruire una Morale in questo Paese (non ci si arriva con una legge, ma dando l’esempio e facendo un lavoro culturale mica da ridere) sarebbe, lo diceva Norberto Bobbio, il più ricco dei programmi e la più grande delle riforme.

E per farlo il centrosinistra dovrà fare una legge seria sul conflitto di interessi, sulle televisioni, sulla corruzione, sull’antimafia e recuperare personaggi messi all’angolo di comprovata onestà e coerenza morale. Il Partito Democratico, nello specifico, dovrà lasciare più spazio ai Civati e alle Serracchiani e meno ai Renzi e ai Letta. Così come l’Italia dei Valori a gente come De Magistris e Sinistra e Libertà come Zedda e Claudio Fava.

Un’opposizione seria e coerente, dopo uno sciopero del genere, farebbe questo: si ridarebbe un’immagine nuova lasciando che a guidarla siano gli onesti e gli incorrotti. Se per colpa dei soliti personalismi e rivalità partitiche si sprecherà anche questa occasione, la colpa sarà di tutti: ovviamente non dei militanti, non dei cittadini, ma dei dirigenti. Che una volta di più avranno mancato un treno… sicuramente l’ultimo, per ridare a questo Paese una speranza di futuro.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Lascia un Commento