Abbiamo ricevuto pressioni e intimidazioni da parte di alcuni "settori", chiamiamoli così, della Sinistra ufficiale affinché cancellassimo l'incontro tra noi di QdS, assieme ad altri consiglieri di sinistra eletti in consiglio comunale, e Mattia Calise. Con "i grillini non ci dovete parlare". A parte che facciamo quello che ci pare, c'è qualcuno che veramente crede che i voti dei grillini si prendono senza confrontarsi con loro sui contenuti e gli ideali, sottolineando affinità e differenze? Ma mi facciano il piacere, mi facciano.

Chi ha paura di Mattia Calise?

Ohibò, e chi lo avrebbe mai detto. Uno fa di tutto per cercare di parlare di contenuti e programmi, ma soprattutto di idee e ideali nella campagna elettorale del ballottaggio, e fanno di tutto per boicottarlo. E dire che Milano dovrebbe essere la sfida più importante, ma evidentemente qualcuno preferisce che si parli del niente, per radicalizzare ancora di più lo scontro e sperare in qualche altra zappata sui piedi della Moratti per vincere le elezioni.

O magari pensa di convincere gli elettori ad andare a votare con gli aperitivi, coi volantinaggi durante gli aperitivi, magari nei locali alla moda della città, fare armoniose rimpatriate a discutere del nulla con persone dall’età media di 70 anni, lasciando alla libera creatività dei giovani di arrangiarsi per i fatti loro a fare iniziative a favore di Pisapia. Chissà.

Sta di fatto che chi è Presidente di un’Associazione che porta il nome di Enrico Berlinguer e ha sostenitori e iscritti persino in Australia, che è abituato a lavorare sulla Rete senza soldi, ma può contare su oltre 178.000 persone che leggono gli articoli di Qualcosa di Sinistra, partecipano, inviano materiale su Enrico, si organizzano sul territorio, e che a Milano può raggiungere con due click oltre 30.000 persone (e a Roma il doppio), sinceramente del supporto dei partiti se ne frega. Se vogliono partecipare alle nostre iniziative, sono i benvenuti. Tutti sono i benvenuti.

Sinceramente però che cerchino di boicottare le nostre iniziative lo trovo inaccettabile. I nomi e i cognomi li farò dopo il ballottaggio (sia che si vinca, sia che si perda, perché è vero che ho promesso di rimanere zitto fino al 30 maggio, ma ora mi sono veramente rotto le scatole).

Di una cosa sono certo, però: non è insultando i “grillini” che si può sperare di ottenere i loro voti al ballottaggio. Non è dicendo che “i grillini sono pericolosi, non bisogna parlarci”, o che “bisogna boicottare Calise, non devi dargli visibilità”, che si può pretendere di parlarci. Perché se uno mi insulta ancora prima di conoscermi, io a priori non ci parlo.

Addirittura qualcuno dei trinariciuti di partito che volevano impedirci di fare l’iniziativa giovedì 26, alla Libreria del Mondo Offeso, sul tema “Milano Ideale – Idee e Ideali per far ripartire Milano”, ci è venuto a dire che “per correttezza dovevamo informare il comitato centrale”. Ah sì? E quale? Ma il Pci non è morto 20 anni fa, seppellito dalla Svolta della Bolognina? E Botteghe Oscure non era stata svenduta agli Angelini dai DS per fare cassa, tanto che ora c’è la sede del Riformista? A chi avrei dovuto intestare la raccomandata, a Emanuele Macaluso?

Questi non sono politici, sono politicanti da quattro soldi. Vogliono i voti del Movimento 5 Stelle, ma non ci hanno parlato mai direttamente. Salvo poi lamentarsi perché “Grillo ci frega i voti e fa vincere la Destra”. E che pretendi, se non provi nemmeno a parlarci con “i grillini”?

A me sinceramente del ballottaggio non me ne può fregar di meno, i giochi sono oramai fatti. Mi interessa il futuro, anche nell’eventualità in cui perdessimo. Giovedì parliamo anche di questo, ma soprattutto con “i grillini” ci parleremo faccia a faccia, confrontandoci sui contenuti, sui valori, sulle idee, sugli ideali.

Dalle parti dei benpensanti dicono che non si può parlare con nessuno del Movimento 5 Stelle, anche perché Grillo insulta, è qualunquista e chi ne ha più ne metta. Grillo imposta la questione in un modo che a me non piace, e l’ho anche scritto in una lettera aperta che ha fatto il giro della rete e delle redazioni dei giornali.

Ma, per esempio, parlare con Mattia Calise è un piacere continuo: non parli del nulla, ma ti confronti sui contenuti, metti a confronto due visioni, che se poi non ti fermi alla superficie vedi che non sono poi tanto differenti, varia il modo con cui portarle avanti, ma gli obiettivi forse sono gli stessi.

Ebbene, giovedì ci confronteremo sui contenuti, pensando al futuro (soprattutto ai referendum, a cui nessuno pensa). Certo è che chi cerca di boicottare un’iniziativa volta a dialogare con il Movimento 5 Stelle o è un idiota o è in mala fede. O tutte e due le cose.

P.S. Vi aspettiamo giovedì, ci sarà anche la diretta web e potete fare le domande che volete a Calise e al Movimento 5 Stelle direttamente dal blog.

Commenta con il tuo account Facebook

Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

26 commenti

  1. prima di parlare INFORMATEVI SULLA VICENDA DI BOLZANO. Premesso il fatto che Casa Pound non mi piace e che questa vicenda sia solo fango mediatico credo che Casa Pound abbia diritto di esistere come la Lega Nord e altra merda simile. Si tratta di un’associazione (AHIME) riconosciuta dallo Stato… e fino a quando la Magistratura non riterrà opportuno (per un qualsiasi motivo) scioglierla, la Costituzione ne garantisce i diritti. Si puo essere d’accordo o meno, ma questo purtroppo è il fatto.ritengo che parlare oggi di “antifascismo” abbia senso solo se si attualizza ed allarga il discorso all’anti-autoritarismo e non riconosceral sarebbe stato polticamente discriminatorio. visto che Casa Italia ha chiesto di essere inserito nell’albo delle realtà associative, il consiglere 5 s era nella commissione di valutazione , hanno valutato statuto e attività secondo normativa e con la dichiarazione favorevole di un giurista l’associazione (che si è composta da aderenti a Casa POUND, ma è anche finalizzata ad attività culturali e divulgative che non possono essere definite analoghe, sebbene circoli il sospetto di debunking negli ambienti rossi) è stata dichiarata idonea. ripeto per evitare fraintendimenti su casa pound la penso come voi ma per adesso non la si puo non riconoscere. al contrario di forza nuova che è stata definita dalla cassazione neonazista. non mi piace quello che hanno fatto i ragazzi del m5s. ma credo che non si puo buttare merda su un intero movimento per il gesto di due ragazzi. un movimento che ha fatto e continua a fare tante battaglie giuste e condivisibili.

  2. Forse vi sfugge una cosa: nei 5 stelle i consiglieri li scelgono i cittadini. Se scelgono gentaglia a Bolzano, chi sta a Bolzano non è chi sta a Milano. A Milano i grillini dai fascisti sono stati aggrediti esattamente come i compagni. E abbiamo denunciato più volte sia la prima che la seconda. Cercare punti di convergenza anche per il futuro ci sembra utile. Poi fate anche un po’ come vi pare, se volete stare a discutere di un fenomeno senza provare a conoscerlo e a parlare con i suoi rappresentanti, liberissimi di farlo. Ma che alcuni satrapi del PD e SEL vengano a farci pressioni per cancellare l’evento, questo lo TROVIAMO INACCETTABILE (e non vi preoccupate che dopo il ballottaggio faremo i nomi e i cognomi) EB.IT STAFF

  3. il problema non è aver paura dei grillini, ma più tempo passa più li trovo politicamente inconsistenti…solo questo…e poi non ho mai gradito chi non si schiera, perchè di chiunque si parli dire che è tutto uguale è comunque sbagliato. Semanticamente e politicamente….almeno dal mio punto di vista. Poi si dialoga con tutti per carità, soprattutto quando si parla di amministrazioni comunali non si può prescindere dal dialogo.

  4. e c’era bisogno che ti dicessero queste cose per dimostrarti quanto è oggi inesistente la sinistra=? programmi omologati, idee inesistenti, servaggio assoluto all’inutile nato e all’ancor più inutile onu. Figurati poi se devono pensare a fare un programma…. non si ricordano più che posateria si usa per mangiare un programma.

  5. @ Antoni: Ma se invece che di coerenza fosse demagogia marxista e basta nooo??? Ha senso un partito che si rifà a Marx?? O a Lenin? O a chi cazzo volete!! Bertinotti duro e puro ma la poltrona gli piaceva!!

Lascia un Commento