Alla Camera la Prescrizione, al Senato il Processo Lungo: gira e rigira, a Berlusconi e sodali interessa una cosa sola: la loro impunità. Prima lo si farà capire agli Italiani, meglio sarà per tutti noi...

Breve o lungo, purché sia impunità

Può darsi che un domani i testi di politica comparata parleranno del Parlamento italiano come un’appendice di Silvio Berlusconi, incentrato più alla produzione legislativa per salvare il Presidente del Consiglio che impegnato a risolvere i problemi degli italiani. O come il Parlamento dei nominati, che fa sfoggio di esperti di giurisprudenza eletti solo per risolvere i problemi giudiziari del magnate di Arcore. Sta di fatto che il leit motiv delle legislature di centrodestra della Seconda Repubblica è sempre stato questo: difendere Berlusconi dagli attacchi antidemocratici della magistratura rossa. Più che di Seconda Repubblica magari un domani i politologi parleranno di Era Berlusconi, per evidenziare un sistema politico e culturale del tutto anomalo, come frattura fra passato e (si spera) futuro, una volta superata l’anomalia.

In queste ore alla Camera è ancora battaglia sul processo breve e prescrizione breve per gli incensurati, che porterebbe ad affossare il procedimento Mills in cui è imputato il premier. Ma la novità giunge da Palazzo Madama, ove la commissione giustizia ha fatto approvare un emendamento che, de facto, allunga il tempo dei processi, ponendoli senza limiti, ammettendo per la difesa la presentazione di elenchi di infiniti testimoni, senza contare che l’emendamento contiene anche una disposizione per cui una sentenza passata in giudicato non sarà più considerata prova per il processo. Questo emendamento quindi da un lato allunga la durata dei processi che, combinato con la prescrizione breve, può portare facilmente a una prescrizione, mentre dall’altro lato fa sì che la condanna di Mills non sarà a carico del premier imputato.

Berlusconi è però preoccupato: la doppia azione tra Montecitorio e Palazzo Madama può essere ostacolata dall’inevitabile ostruzionismo delle opposizioni, che già hanno chiamato battaglia su leggi ad personam che andrebbero a favorire una fattispecie di criminali anche più pericolosa: ricordiamo che è allo studio l’eliminazione delle intercettazioni come prova nel processo, e un mafioso avrebbe gioco facile nel negare le accuse a suo carico se non coadiuvate da intercettazioni.

Berlusconi è anche preoccupato per le prerogative del Presidente della Repubblica Napolitano, ragion per cui ha chiesto ai suoi, Ghedini e Alfano in particolare, di blindare il testo di legge e renderlo a prova di Quirinale. Nel frattempo anche il Csm si è espresso contro il processo breve, con un voto a maggioranza del plenum. L’organo di autogoverno della magistratura si è espresso contro poiché la legge rappresenterebbe un’amnistia sostanziale.

Commenta con il tuo account Facebook

Giorgio Pittella

Sono nato a Milano un anno e mezzo prima della caduta del Muro di Berlino, da genitori lucani portandomi nell sangue le diverse percezioni della penisola. Da sempre appassionato di politica, vengo insignito del titolo di "sindacalista" sin dalla quinta elementare e "comunista" sin dalle materne, quando le maestre scrutano preoccupate un mio disegno sui funerali di Berlinguer, con falce e martello ben in vista. Ho coniugato la mia passione con i miei studi, iscrivendomi alla Facoltà di Scienze Politiche di Milano, e scrivendo per Qds. Da sempre appassionato di giornalismo, specialmente quello d'inchiesta. Vedo calare drasticamente la mia media voti alle scuole medie dopo un articolo nel giornalino di classe in cui accusavo la prof. di religione di valutare secondo simpatie e antipatie, venendo così meno ai buoni principi cristiani. Tra le mie altre collaborazioni, ho scritto di politica per il sito web di una web-radio e ho scritto per un web-giornale universitario. Sono anche molto appassionato di storia, di filosofia, di arte e di musica e sfegatato tifoso juventino

23 commenti

  1. dignità che grande parola…ora, purtroppo, in disuso…..

  2. spettacolo osceno dopo l’intervento del prete ho chiusa la tv…..

  3. Ferrari Massimo via Facebook

    Che tristezza, che avvilimento!!

Lascia un Commento