Silvio Berlusconi insulta Gad Lerner a l'Infedele e invita Iva Zanicchi ad alzarsi e ad andarsene.

Videochiamami

Doppio colpo stasera del pdl a La7. Durante il telegiornale di Mentana, l’onorevole Santachè, in collegamento, saluta la Litizzetto con il dito medio, nascondendo la finezza con scuse da scuola elementare. Ma è in tarda serata arriva il colpo finale, ad opera e con lo stile che lo contraddistingue del presidentissimo Silvio Berlusconi. L’”Onorevole” telefona, colpisce e scappa, come ci ha abituato fino ad adesso. E ci va giù pesante: esordisce definendo il programma un “postribolo televisivo” condotto da un incapace e disonesto. Gad Lerner cerca in qualche modo di replicare. Ma il presidente incalza e prosegue nell’ormai collaudato copione del parlo solo io. L’europarlamentare di Ok il prezzo è giusto, una delle più assenteiste, Iva Zanicchi, presente alla trasmissione viene invitata ad alzarsi e ad andarsene. Dopo di che il nostro plurindagato presidente del Consiglio, appende il telefono, tra gli insulti del pubblico presente.

Naturalmente niente che non si sia già visto. Non è di certo la prima volta che il Capo del Governo irrompe telefonicamente nelle trasmissioni di approfondimento giornalistico. Forse a voler dimostrare che non è impegnato tutte le sere in feste private e cene tra amici. I precedenti sono ben documentati. Martedì scorso aveva chiamato per l’ennesima volta Ballarò. Giovanni Floris da la notizia in chiusura ma non accetta la chiamata in diretta, ben conoscendo come erano andati a finire i precedenti contatti telefonici.

Sebbene il pdl sia l’unico ad escludere le elezioni anticipate, la campagna elettorale è già ampiamante cominciata. Berlusconi ha sguinzagliato i suoi mastini in tutte le trasmissioni. Sulle sue reti fioriscono programmi come Kalispera e Stasera Che Sera, già chiuso per gli ascolti insignificanti ricevuti, per indottrinare non solo la mattina, il pomeriggio e attraverso i tg, ma anche in prima e seconda serata. Ma viste le brutte acque in cui naviga il partito egli stesso si butta in prima linea. E oltre alle telefonate ha iniziato a mandare i videomessaggi, seguendo il consiglio che Roberto Benigni gli offrì quasi due anni or sono, sfuttando l’apparato mediatico di sua proprietà, dove in qualità di Presidente del Consiglio attacca la Magistratura continuando nella distruzione delle istituzioni Repubblicane.

Che siano gli ultimi battiti di una carriera politica ormai lunga 17 anni? La speranza è sempre l’ultima a morire.

Commenta con il tuo account Facebook

Amedeo Russo

Nasce a Torre del Greco (NA) il 5/01/1986, vive a Peschiera Borromeo, frequenta la facoltà di Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Milano. Si è diplomato presso il Liceo Scientifico Statale di San Donato Milanese. E' iscritto dal 2009 al Partito Democratico presso la sezione intitolata a Enrico Berlinguer e Aldo Moro di Peschiera Borromeo. Il 16 luglio 2010 viene nominato Segretario dell’Associazione Nazionale Enrico Berlinguer , carica che manterrò fino al 16 aprile 2011, quando viene trasferito in tesoreria. Dal 12 novembre 2010 cura la rubrica "Pausa Caffé" su Qualcosa Di Sinistra, dove parla di Apple, politica e di società civile in generale.

26 commenti

  1. In uno studio televisivo.????….NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
    DEVE ANDARE DAVANTI AI GIUDICI!

  2. ci sono alcuni milioni di italiani che lo difendono , è come se in passato erode fosse presidente della società palestinese degli asili nido…poi non si abbia a dire che la tv non rincoglionisce..invito l’onorevole Iva Zanicchi ad andarsene dallo studio ma non prima di far girare la ruota della fortuna ….mavaffanc……!!!!!!!!!!

Lascia un Commento