Storie meticce di colonie e #partigiani: #WuMing in Deutschland

Sfogliando un quotidiano italiano qualsiasi non è difficile leggere a inizio anno scolastico “Boom di studenti stranieri” nella tal scuola della tal città. Si chiamano in causa educatori, ministeri, sindaci e genitori, che devono far fronte a questo inusuale fenomeno con cui si manifestano la “modernità” e la “globalizzazione”. Ma c’è stato più di mezzo secolo fa un ventenne partigiano che non era bianco e non era nemmeno nato in Italia, ma a Mahaddei Uen, un villaggio nel sud della Somalia. E che ci fa un italo-somalo, per giunta nero, nella Resistenza italiana? Ci fa quello che fanno tutti gli altri, combatte per la libertà e la giustizia. Se sua madre era somala il motivo è tanto semplice quanto prontamente cancellato dalla memoria di questo Paese: una parte della Somalia, a partire dal 1908, era ufficialmente una colonia italiana.

Nel 2013 a Kiel, cittadina tedesca sul Baltico, non succede granché, ma capita di sentir parlare di colonialismo italiano e molto altro da e con Wu Ming 2 (che pare si chiami anche Giovanni Cattabriga, ma a noi piace più Wu Ming…).

“Timira” racconta una storia diversa seppur legata a quella del partigiano Giorgio Marincola (la cui memoria è più estesamente curata in Razza Partigiana), la storia di Isabella Marincola, sua sorella e anche lei come Giorgio inusuale nera nell’Italia “ariana” degli anni ’20 e ’30. Il libro è firmato da Isabella (morta nel 2010), Wu Ming 2 e Antar Mohamed (il figlio di Isabella), fusi in un progetto transmediale multiautore

Ma con Wu Ming 2 non si è parlato solo di storie meticce (e nel caso non li abbiate letti vi consiglio caldamente sia Timira sia Razza Partigiana), almeno qui a Kiel si è parlato anche di accesso libero alla cultura. Come chi li conosce sa, i libri di Wu Ming poco dopo essere usciti in libreria sono disponibili gratis in versione digitale (pdf e altri formati di testo), inoltre grazie alla collaborazione di Einaudi (eh già, proprio Einaudi) un libro firmato da Wu Ming può essere completamente fotocopiato a patto che la copia non venga prodotta a scopo di lucro.

Allora è possibile mettere in discussione non tanto il principio della protezione del diritto d’autore, quanto la sua forma legale odierna? Lo potrebbero fare innanzitutto gli autori e le case editrici , ma anche i governi possono provare a ripensare alle regole del mercato della cultura. Un passo piccolissimo ma pur sempre apprezzabile lo hanno fatto recentemente proprio la Germania e l’Italia (pur con qualche grave pecca) con le pubblicazioni scientifiche. Per inciso questa è una di quelle cose che ci chiede l’Europa ed è una delle poche di cui sento di non potermi lamentare. Abbiamo anche, dal 2006, una rivista peer reviewed completamente gratuita e a mio parere di buona qualità, si chiama PLoS ONE ed è interessante anche la sua filosofia del “prima pubblichiamo e poi giudichiamo”: in pratica chi visita PLoS ONE può commentare gli articoli e dargli un voto, come in una specie di peer-review molto allargata.

In ambito umanistico però, a detta di Wu Ming, l’open access è lontano dall’essere applicato su larga scala, e certamente vale anche il fatto che lo stipendio di un ricercatore (in ambito accademico) non proviene dalle stesse fonti da cui proviene quello di uno scrittore o di un musicista. Eppure il collettivo bolognese ha dimostrato che si può esercitare il diritto a proteggere il proprio lavoro intellettuale in modo diverso, rendendone contemporaneamente fruibili i prodotti a tutti. Sono possibilità concrete che si erano già manifestate dopo l’ondata dei download illegali di musica e film, fenomeno che nonostante la repressione (spesso a sua volta borderline fra legale e illegale) e la chiusura di numerosi siti non si è riusciti ad arginare, se non fornendo un modello diverso di fruizione dei contenuti: da Spotify al caso più noto dei Radiohead, di cui si poteva scaricare l’album In Rainbows” lasciando un’offerta libera (quindi anche gratuitamente e in modo perfettamente legale, eppure molti hanno pagato per avere un prodotto che ritenevano di qualità).

Il dibattito sull’open access oggi è molto più vivo di quanto avremmo pensato un decennio fa e tocca tutti i campi della cultura e del sapere umano. Stanno fiorendo tantissime soluzioni, tutte migliorabili e a volte anche allargabili da un settore a un altro. Sarebbe un peccato lasciar morire queste idee: personalmente a una proprietà intellettuale ariana ne preferisco una meticcia.

Commenta con il tuo account Facebook

About Laura Bonaventura

"Non comanderò, né sarò comandato"

Check Also

Per fortuna Lui fa il Prof

Appena mi è arrivato ieri l’ho letto tutto d’un fiato. E lo dichiaro da principio, …

Lascia un commento