La leopolda bis, il Big Bang di Renzi, è iniziato da pochi minuti. E dopo aver attaccato Bersani, il PD e il centrosinistra nei primi 40 minuti, l'apertura di Davide Faraone è esaltante: "Dobbiamo imbarcare chi ha il macbookpro". Insomma, chi non ha 1600 euro per un pc, politica non la può fare. Bell'inizio.

Leopolda, se la politica è solo status symbol

Che lo scrivente non abbia mai avuto simpatia per Renzi, chi lo segue da quattro anni, sin dai tempi di Orgoglio Democratico – per la Questione Morale, ben sa perché. Per chi se lo fosse perso, inizialmente fu per il suo rifiuto di partecipare a Firenze alla commemorazione per il 25° anniversario della scomparsa di Berlinguer in qualità di candidato sindaco a Firenze. Poi Sindaco lo divenne e ne inforcò una dietro l’altra, dal sostegno a Marchionne fino alle gitarelle ad Arcore.

Renzi ha esordito alla Leopolda bis dicendo che lui da Premier per prima cosa rimetterebbe a posto i conti, tagliando la spesa (esattamente come sta facendo Berlusconi); sarà che sono fresco dalla serata antimafia più esaltante della stagione, ma io pensavo, sciocco, che per risanare i conti bastasse andare a prendere i soldi dalla corruzione e dall’evasione (200 miliardi sottratti alla collettività ogni anno); ma si sa, Renzi non è di Sinistra. E poi, visto che siamo in condizioni economico-finanziarie pessime da 20 anni, è evidente che il problema principale non è quello, ma a che fare con la credibilità e l’etica di una classe dirigente.

Poi ha detto che Bersani ha un’idea di partito novecentesca; mi verrebbe da dire, vista la scenografia, l’antipolitica imperante e gli slogan, che lui e i suoi hanno semmai un’idea berlusconiana della politica, che mi pare sia ben peggio.

Ma c’è qualcosa di pericoloso nel messaggio che veicola Renzi, che va aldilà della politica berlusconiana e in qualche modo la supera: la politica dello status symbol. Nel berlusconismo lo status symbol è stato per 15 anni Berlusconi stesso, in Renzi invece vi è un conformismo di massa al consumismo più becero e ignorante dei nostri tempi, che implica ovviamente tutti i prodotti di casa Apple, senza i quali non si è abbastanza cool.

La Leopolda è iniziata da nemmeno un’ora e prima di avere uno scatto d’ira, sono riuscito a sentire le parole di un certo Davide Faraone, che nella sua requisitoria contro tutto e tutti, affermava solenne: “Dobbiamo imbarcare chi ha il macbookpro e chi è affamato come Jobs.” Eccoli qua i nuovi fan di Bob Kennedy che si spingono laddove nemmeno Veltroni si era mai osato spingere in quindici anni di kennedismo di sinistra: se non hai 1600 euro da spendere in un pc che il giorno dopo è già vecchio, non puoi fare politica. La politica che si può fare solo se hai il telefonino giusto, il computer giusto, la macchina giusta, il lettore mp3 giusto, la cravatta giusta e così via…

Pura apparenza, niente sostanza. O meglio, quello che rimane è una dipendenza da un sistema che si dovrebbe abbattere o quanto meno combattere, non cercando di influenzare più del dovuto orde di giovani che ora hanno ritrovato come appuntamento culturale il Big Brother e guardano con favore al Big Bang di Renzi solo perché dice le cose di Grillo senza parolacce.

Vedremo cosa ne verrà fuori. Una cosa è certa. Quando la settimana scorsa parlavo di “persone in violento contrasto con l’immagine consueta dell’uomo politico“, citando Foa su Berlinguer, non mi riferivo a quelli come Renzi, nuovi fuori e vecchi dentro. Loro, semmai, sono “in violento contrasto”. Con cosa, ancora non lo si è ben capito.

P.S. Ma chi paga per tutto questo? Banchetti, scenografie da cinema etc. Sarebbe bello vedere la lista dei finanziatori di Renzi…

About Pierpaolo Farina

Sono nato nel 1989 a Milano, dove vivo. A vent'anni ho fondato enricoberlinguer.it e a 21 Qualcosa di Sinistra. A 23, dopo la laurea triennale, WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie. Oltre a scrivere e fotografare con Sophie, la mia fedele Canon 6D, mi occupo di comunicazione politica e digitale. Nel 2014 ho pubblicato "Casa per Casa, Strada per Strada", il libro più venduto su Enrico Berlinguer. Sono dottorando in Studi sulla Criminalità Organizzata presso l'Università Statale di Milano.

Check Also

ha vinto Gelli non il popolo

Ha vinto Licio Gelli, non il popolo

Era il 3 novembre 2008, una vita fa, quando nella video-rubrica tenuta da Marco Travaglio …

131 comments

  1. questo se arriva al vertice affossera totalmente il pd,poi passera’col cav.banana ha lo stesso stile.

Lascia un commento