Tag Archivi: fiat

Marchionne, Monti e il Pd

Il vertice di sabato scorso fra Marchionne, Monti e i ministri Passera, Fornero e Barca durato più di cinque ore, si è concluso senza che siano state prese delle decisioni degne di nota. Dal comunicato di Palazzo Chigi, infatti, è emerso che “il Governo e la Fiat hanno stabilito di impegnarsi per assicurare nelle prossime settimane un lavoro congiunto, utile ...

Leggi Articolo »

La vignetta di Vauro che ha fatto infuriare la Fornero

Succede sempre così: i potenti si dimenticano sempre che la colpa non è dello specchio, ma di chi ci sta davanti. E accade infine che anziché prendersela con Marchionne che invece di rispondere a lei e al governo rilascia interviste a Repubblica (che si guarda bene dal rinfacciare l’inconsistenza del piano “Fabbrica Italia” denunciato da moltissimi due anni fa), la ...

Leggi Articolo »

Quei novelli D’Annunzio prostrati davanti ai Monti e ai Marchionne

Nel 1928 Agnelli (padre) volle eternare la Fiat con un grandioso monumento. Lo scultore Eduardo Rubino ne modellò subito una enorme statua, il Faro della Vittoria, collocata sul colle della Maddalena a Torino, e il poeta D’Annunzio dettò la dedica in pompa magna: “Alla pura memoria, all’alto esempio dei mille e mille fratelli combattenti che la vita donarono per accrescere ...

Leggi Articolo »

La giustizia non si licenzia.

Prosa da un momento con Giovanni, Antonio e Marco. Lo scorso 23 febbraio, la Corte d’appello di Potenza ha condannato la Fiat Sata per comportamento antisindacale in seguito al licenziamento di Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, operai nello stabilimento di Melfi, iscritti alla Fiom Cgil e accusati ingiustamente di aver sabotato la linea di produzione. La sentenza giunge ...

Leggi Articolo »

Fiat, chi tace è complice

La Fiat rimanda a casa i tre operai FIOM reintegrati a Melfi, violando l'ennesima sentenza. E vieta l'Unità in fabbrica.

Leggi Articolo »

Marchionne minaccia: “Lasceremo l’Italia”

L'AD del Lingotto, dopo le performances disastrose in giro per il mondo e in Europa, annuncia che Fiat potrebbe lasciare l'Italia, dopo aver stracciato i contratti nazionali con il benestare di ampi settori della politica. Lo stesso Monti lo definì un grande innovatore. E ora chi lo difendeva, cosa dirà?

Leggi Articolo »