Tag Archivi: cambiamento

#Renzi: l’uomo solo al comando non porta lontano

La legge sulle unioni civili appena intascata; la flessibilità che arriva da Bruxelles, con gli ispettori del FMI che giudicano positivamente le riforme messe in campo dal governo per la crescita; infine, il referendum costituzionale, in grado di stravolgere l’architettura dello Stato come mai finora, a ottobre. Matteo Renzi, nel suo appartamento a Palazzo Chigi, con la cyclette portata da ...

Leggi Articolo »

L’homo oeconomicus deve morire

Se cerchiamo la voce homo oeconomicus sulla Treccani, l’enciclopedia ci spiega che si tratta di “Un individuo astratto, del cui agire nella complessa realtà sociale si colgono solo le motivazioni economiche, legate alla massimizzazione della ricchezza.” Appunto, astratto. Il problema è che di fatto l’economia tende a rendere l’homo oeconomicus un soggetto su cui basare le teorie più diverse. Questo ...

Leggi Articolo »

Ora e Sempre #Resistenza

Il cielo è pieno di nubi. Scende qualche goccia di pioggia. Un autunno denso della solita nebbia novarese mi accompagna nel breve corso dalla stazione verso Piazza Cavour. E’ lì la mia meta. La intravedo già da lontano. Ci sono luci che vibrano nella fredda umidità della sera. E, avvicinandomi, vedo sempre più gente. Donne, uomini, anziani. Ma anche giovani, ...

Leggi Articolo »

La rivoluzione silenziosa

Nel 1981 Ronald Inglehart parlava di “rivoluzione silenziosa” per tentare di dare una definizione a uno dei fenomeni di cesura storica del Novecento: il passaggio da un mondo materialista a quello dell’orizzonte post-materialista, in cui una serie di valori, ideologie, necessità, schemi, paradigmi logici e politici stavano lentamente – ma non troppo – lasciando posto a un mondo nuovo, tutto ...

Leggi Articolo »

Il sorpasso: un sogno di nome Nichi

Il sondaggio settimanale di Mentana sulle intenzioni di voto degli italiani è ormai diventato un appuntamento fisso per milioni di telespettatori attenti alle questioni politiche, ma i risultati snocciolati ieri sera dal direttore del tgla7 avevano un sapore diverso dal solito balletto di decimali passati da uno schieramento all’altro, avevano il gusto forte di una rivoluzione, silenziosa ma non per ...

Leggi Articolo »

Il Paese dello “Stay”… quiet

Morto Steve Jobs, tutti i politici ad invitare i giovani a rischiare con il noto "Stay hungry, stay foolish". Ma a ben vedere, lo ricorda Civati, questo è il Paese dello Stay, dell'immobilismo, dove il figlio di papà vale di più a prescindere del figlio di nessuno. E i media ai giovani dicono "Stay Quiet" e basta.

Leggi Articolo »