Il Rompiballe

La storica Rubrica di Pierpaolo Farina, fondatore di enricoberlinguer.it e di Qualcosa di Sinistra

#Berlinguer è più vivo di voi

Non ho mai conosciuto Enrico Berlinguer, sono nato cinque anni dopo la sua morte. Quindi, a rigor di logica, di lui non dovrei saperne niente. E in effetti, in quel luglio 2007, quando questo “vir probus” (la definizione è di Giorgio Bocca) entrava per caso nella mia vita per non uscirne mai più, di lui non sapevo nulla.  E fu …

Read More »

Ai Fratelli #Cervi, alla loro Italia

Il 28 dicembre 1943, 75 anni fa, Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio ed Ettore Cervi venivano fucilati a Reggio Emilia dai fascisti.

Read More »

La #Sinistra che non c’è

Noi giovani viviamo con nostalgia un passato che molti di noi non hanno vissuto. Eppure una volta non si stava meglio, non c’era alcuna età dell’oro, anche se i cicli economici facevano pensare il contrario. La questione morale è sempre esistita ed è stata tra le principali cause del discredito che investì l’Italia liberale, poi travolta dal fascismo, e della …

Read More »

#Cucchi, sulla pelle di TUTTI

Avevo voluto aspettare a commentare a caldo quel film che ne raccontava gli ultimi sette giorni di vita. “Sulla Mia Pelle“, un capolavoro senza sconti per Stefano, nudo, crudo. “In questo film vedrete Stefano“, ha detto giovedì scorso a una platea già di per sé emozionata all’Anteo di Milano la sorella Ilaria. E Stefano lo abbiamo visto, magistralmente interpretato da …

Read More »

Siamo in finale ai #MIA18

Una campagna per finire in nomination non la facciamo dal 2015, l’anno successivo alla vittoria del premio come Miglior Sito Politico d’Opinione. Puntualmente, però, voi che ci seguite da tempo continuate a mandarci in finale. Non pensiamo di meritare il riconoscimento più di altri, chi di voi ci segue però sin dal lontano 2010 può sicuramente testimoniare che abbiamo sempre …

Read More »

#Marchionne è morto

La notizia è arrivata: Sergio Marchionne è morto. Non mi ero espresso sulla vicenda prima perché in certi casi è preferibile il silenzio. Quei commenti sprezzanti di chi lo odiava e quelli intrisi di ipocrisia di chi mostrava dispiacere per le sue condizioni mi hanno provocato un sincero sgomento, anche se oramai dovrei esserci abituato. Nell’epoca dei social si è …

Read More »