Cultura

#Libri, Robert Antelme. La Specie Umana

Il libro di Robert Antelme, L’espèce humaine, è stato pubblicato per la prima volta in Francia nel 1947 dalla casa editrice Gallimard e oggi lo possiamo leggere in italiano nell’edizione Einaudi. L’opera, che in Italia non ha avuto un successo paragonabile a Se questo è un uomo di Primo Levi, è un vero e proprio capolavoro e racconta la traumatica …

Read More »

#HouseOfCards non è un manuale d’istruzioni

[Per rispetto di chi sta seguendo il telefilm o di chi lo seguirà, si avvisa che l’articolo contiene spoiler] Francis Underwood – o Francis Urquhart, per chi preferisce la versione del libro scritto da Lord Michael Dobbs – è un politico con i fiocchi: come Chief Whip (il capo della maggioranza) il deputato Underwood deve conoscere virtù e soprattutto vizi dei suoi colleghi …

Read More »

Sacco e Vanzetti, che morendo mi hanno insegnato a vivere

Il 23 agosto 1927, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti (36 e 39 anni) morivano sulla sedia elettrica a Charlestown, nel Massachussets. L’accusa era l’omicidio di un cassiere e una guardia di un calzaturificio. I due erano innocenti, le ragioni di questa persecuzione le spiegò proprio Vanzetti, di fronte alla giuria che lo condannò a morte: Mai, vivendo l’intera esistenza avremmo potuto sperare …

Read More »

Primo Levi: la vita che scorre nonostante la dittatura

Nulla vi è di superfluo, tutto in questo libro è essenziale. Saul Bellow descriveva così Il sistema periodico di Primo Levi. Di lui, come tanti di voi, ho letto ormai diversi anni fa i libri dolorosi eppure vivissimi sulla guerra e i campi di sterminio: Se questo è un uomo, La tregua, I sommersi e i salvati. Sono preziosi riti di …

Read More »

A 69 anni da #Hiroshima: com’è difficile chiamarlo “sterminio”

Abbiamo camminato verso il fiume per 300 metri; in quel periodo di tempo non abbiamo visto nessuno. C’era un silenzio tale che pensavamo di essere gli unici rimasti su questo mondo. Siccome eravamo stati veloci, ci sembrava di essere stati anche i primi ad arrivare al fiume. Mio padre fece sdraiare mia madre all’ombra di un cespuglio. Dopo un bel po’ …

Read More »

Gli Arditi: dalla #GrandeGuerra alla mistificazione #fascista

C’è una canzone, riproposta anche da band come i Modena City Ramblers e la Banda Bassotti, che a un certo punto fa così: Del popolo gli arditi Noi siamo i fior più puri Fiori non appassiti Dal lezzo dei tuguri. Si tratta della celeberrima Figli dell’Officina, in cui recentemente alla frase “le bandiere rosse [comuniste] e nere [anarchiche]” è stato …

Read More »