Economia

La farsa delle liberalizzazioni delle banche

La fase due, quella che punta alla crescita economica, è cominciata. Il decreto legge sulle liberalizzazioni è stato approvato al Senato con 237 sì e 33 voti contrari e la prossima settimana passerà all’esame della Camera che dovrà modificarlo in legge entro il 24 marzo. Ad essere toccati saranno i liberi professionisti, il settore dei trasporti, i benzinai, l’Eni (si …

Read More »

MMT: l’Economia al servizio della Piena Democrazia

Il resoconto del meeting di Rimini della MMT

Read More »

Keynes: “Folle e oltraggioso ridurre la spesa”. La Troika lo sa?

John Maynard Keynes, colosso dell’economia contemporanea, in una conversazione radiofonica con Sir Josiah Stamp smontò la costruzione degli effetti benefici delle politiche di austerity. Venne trasmessa dalla BBC il 4 Gennaio 1933. Ben 79 anni fa. A leggerla, però, sembra attualissima. D’altronde il ragionamento non è così complesso anche per chi di economia non ha mai masticato: se tolgo reddito ad …

Read More »

Fiscal Compact: l’ultimo diktat europeo

Il 30 Gennaio 2012 dal vertice UE è stato approvato (da 25 Stati, con l’esclusione di Gran Bretagna e Repubblica Ceca) il “Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union”, meglio conosciuto come Fiscal Compact che entrerà in vigore il 1 Gennaio 2013 (TITOLO VI, art. 14.2). Esso rappresenta un’ulteriore trasferimento di quella pochissima ed invisibile …

Read More »

Lo strano caso del Dott. Giulio e di Mr. Tremonti

Ci risiamo. Giulio Tremonti, già Ministro dell’Economia, è di nuovo in preda ad uno dei suoi disturbi della personalità. Sono anni, ormai, che il tributarista soffre di questo disturbo. Quando è al Governo lui è Mister Tremonti, quando è fuori da incarichi di Governo diventa il Dott. Giulio. E così, mentre Mr. Tremonti al Governo depenalizza il falso in bilancio …

Read More »

Stiglitz e Roubini: “2012, prepariamoci al peggio.”

I due big dell'economia internazionale non hanno dubbi: meno mercati, più politica. O se si va avanti di questo passo, crolla tutto. Per uscire dalla crisi sarebbe necessario un ripensamento radicale dell'economia e un maggiore ruolo della politica, per diminuire la crescente disuguaglianza tra le classi sociali.

Read More »