Giustizia

‘nrdangheta: il Comune di Milano si costituisce parte civile

Il Comune di Milano ha chiesto e ha ottenuto di potersi costituire come parte civile nel processo contro i presunti assassini di Lea Garofalo, l’ex collaboratrice di giustizia scomparsa il 24 novembre 2009. La donna era moglie di Carlo Cosco, affiliato alla ‘ndrangheta, condannato per la Strage di Rozzano, e aveva cominciato a collaborare con la giustizia nel 2002, quando aveva deciso di testimoniare …

Read More »

B. ci riprova: il processo breve è nascosto nella manovra Tremonti

Ecco perché erano tutti d'accordo: nelle 83 pagine del documento licenziato durante il vertice di maggioranza, riportati interi stralci della legge ideata per garantire l'impunità al premier. Hanno contro la maggioranza assoluta degli italiani e ci riprovano.

Read More »

Intercettazioni, B. prepara il BAVAGLIO per decreto

Il refrain è noto da anni. Sin dallo scandalo dei furbetti del quartierino dell'estate 2005, Destra e Sinistra cercano di mettere il bavaglio alla stampa, abolire le intercettazioni, mettere in galera chi svela le varie P2, P3, P4. B., dopo un anno, ci riprova: ma la cosa drammatica è che c'è chi, nel centrosinistra, non è poi tanto contrario: Massimo D'Alema

Read More »

SI’ SI’ SI’ SI’, ce l’abbiamo fatta! Nonostante i boicottaggi

Avete visto cosa vuol dire veramente cambiare le cose e attivarsi per farlo? Vuol dire cambiare lo status quo, vuol dire raggiungere risultati insperati, come Milano, Napoli e Cagliari due settimane fa, vuol dire superare gli ostacoli e i boicottaggi, ammazzando i mandanti o, più dolcemente, sconfiggerli su tutta la linea. E’ la storia di questa consultazione referendaria, che torna …

Read More »

Altro ostacolo per il quorum: gli italiani all’estero

Alla fine si può dire che chi voleva boicottare il referendum ce l’ha quasi fatta, almeno per quanto riguarda il quesito sul nucleare. Si sta parlando del voto degli italiani all’estero, inutile per quanto riguarda il nucleare poiché il quesito sul quale si sono espressi (si votava entro il 2  giugno) era stato riammesso e cambiato dalla Corte di Cassazione …

Read More »

La paura non fa Quaranta: referendum, sì anche dalla Consulta

  Si temeva il peggio con l’elezione del nuovo presidente della Corte Costituzionale per il quesito referendario sul nucleare. Si temeva che l’elezione di un presidente di area di centrodestra potesse condizionare la valutazione sul quesito riammesso e modificato in precedenza dalla Corte di Cassazione  dopo il decreto Omnibus del governo. La Consulta ha però deciso, con voto unanime, di …

Read More »