Mondo

#Srebrenica, 20 anni dopo

Rileggere il conflitto bosniaco per capire l’Europa di Federico Maccagni – Foto di Francesco Millione e Silvia Manini — Cosa è successo negli anni 90 nei Balcani? Che lezione possiamo apprendere, a 20 anni da Srebrenica, per almeno provare ad avere gli anticorpi ed evitare che il virus dell’odio razziale dilaghi ancora? La metafora della polveriera pronta ad esplodere non regge, perché …

Read More »

Bernie #Sanders: se i dem americani scoprono il socialismo

Ormai non si può più ignorare la corsa alla Casa Bianca del settantaquattrenne senatore Bernie Sanders. Nato a New York City ma cresciuto nel Vermont, di cui è stato prima Representative (1991-2007) e poi Senatore (dal 2007 a oggi), Sanders sta disturbando e non poco i piani della ex Segretario di Stato Hillary Clinton, sostenuta dai grandi media liberal e …

Read More »

#Terzani: “Cara Oriana, non è un crimine parlare di pace”

Ci sembra utile ripubblicare la lettera di Tiziano Terzani, pubblicata sul Corriere della Sera dell’8 ottobre 2001 col titolo “Il Sultano e San Francesco”, in risposta all’articolo “La rabbia e l’orgoglio” di Oriana Fallaci, che la scrittrice aveva pubblicato sul quotidiano di via Solferino dopo l’attacco alle Torri Gemelle dell’11 settembre. — Oriana, dalla finestra di una casa poco lontana da quella in cui …

Read More »

#PrayforParis, un bel tacer non fu mai scritto

“Ancora l’orrore. Stasera sospendiamo la nostra campagna elettorale fino a nuovo ordine.”, così ha scritto su twitter Marine Le Pen, leader del Front National, a proposito della strage di Parigi. Unica dichiarazione ufficiale dell’icona della nuova destra che ha tanti ammiratori in Italia, a partire da Matteo Salvini. Ce soir l’horreur encore… Nous suspendons nos campagnes jusqu’à nouvel ordre. #Fusillade …

Read More »

In #Myanmar vince la democrazia (ma in Italia si parla di #GianniMorandi)

Mentre in Italia si discute dello “scandalo” del profilo facebook di Gianni Morandi non gestito direttamente dall’artista, in Myanmar (ex-Birmania) il partito del premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi si avvia a vincere le elezioni politiche tenutesi la scorsa domenica con i 2/3 dei voti. Un risultato sorprendente, quasi impossibile da immaginare fino a qualche mese fa. …

Read More »

Il golpe europeista in #Portogallo uccide l’Europa di domani

Le forze del Partito Popolare Europeo al governo del Portogallo non riescono a confermare la maggioranza assoluta alle ultime elezioni legislative e la sinistra – fatto più unico che raro – riesce a compattarsi: socialisti, comunisti ‘ortodossi’, trotskisti e verdi, riuniti nella figura di Antonio Costa, ex sindaco socialista di Lisbona, chiedono formalmente di essere ricevuti dal presidente della Repubblica …

Read More »