Mondo

Il massacro silenzioso del popolo messicano

Il 26 settembre, 43 studenti di Ayotzinapa, una scuola del sud-ovest messicano che prepara i futuri insegnanti, sono scomparsi. Dopo aver preso parte a una manifestazione di protesta a Iguala, la polizia municipale ha aperto il fuoco contro i bus su cui viaggiavano. Pochi giorni dopo pare sia stata scoperta una fossa comune a poca distanza dalla città, ma non …

Read More »

#Ebola, un massacro figlio dell’imperialismo

La storia della Sierra Leone non è fatta di grandi condottieri e storici imperatori. Questi 70 mila chilometri quadrati di terra nel cuore dell’Africa equatoriale, venduti alla Gran Bretagna nel 1788 da un sovrano locale per farne una colonia in cui raccogliere schiavi affrancati e apolidi africani, hanno visto l’indipendenza solo nel 1961. Prima governatori e commissari inglesi, poi una …

Read More »

#Siria, la guerra vista con gli occhi di una bambina

Apro gli occhi. È notte. Ho fatto un incubo. Ho sognato una tempesta. C’erano tuoni fortissimi. Ma non pioveva. E non c’erano nuvole. È un incubo che faccio ogni notte. Ho paura di addormentarmi. Apro gli occhi. Questa volta dalle finestre vedo il sole siriano brillare. Mia madre mi chiama dalla cucina: ‘Aidha, svegliati, devi andare a scuola!’. Ma non …

Read More »

#AbuGhraib, quando il mostro si chiama #USA

Sono passati dieci anni ma l’orrore non si può cancellare. Iraq, la sciagurata coalizione guidata da George W. Bush e Tony Blair ha conquistato il paese. Sorvoliamo sulle fandonie mostraste in sede ONU per giustificare l’invasione. Dicevano di “esportare la democrazia” e anche a casa nostra c’erano molti politici eccitati all’idea di portare la pace con le bombe. Quello che …

Read More »

Sull’#indipendenza e l’illusione della #sovranità

Da che la Lega Nord si è buttata sul nazionalismo / razzismo / no-euro, raccoglie più consensi di quando urlava “Roma ladrona” e “Padania libera”. Non che queste idee abbiano smesso di attecchire qua e là, anzi, è che le persone sono spaventate dalla crisi e la priorità è cacciare rom, sinti, africani e rumeni. I meridionali per ora possono aspettare. Cacciarli …

Read More »

L’ipocrisia dei rapporti internazionali ha generato l’ISIS

Dopo la caduta del muro di Berlino, e con la fine della guerra fredda, i rapporti internazionali sono usciti dal dualismo Usa-Urss per trasformarsi in rapporti dettati dalle esigenze economiche degli Stati. Basti pensare che la Cina possiede la maggior parte del debito statunitense per capire come, anche in un paese ultra liberale come gli Stati Uniti, non si disdegna …

Read More »