Samuel Boscarello

Sono nato a Caltagirone (CT) il 9 agosto 1996 e nella mia città ho frequentato il Liceo Classico “B. Secusio”. Adesso faccio parte degli allievi della Scuola Superiore di Catania e studio Storia, politica e relazioni internazionali presso l'università etnea. Il giornalismo e la politica sono le mie due grandi passioni: collaboro con diverse testate e blog occupandomi di svariati ambiti, sperando un giorno di trasformare questo impegno nel mio mestiere. Ho scoperto le idee di Berlinguer, e la loro meravigliosa attualità, imbattendomi un giorno quasi per caso nello storico discorso di Piazza della Frutta. Credo per questo che sia compito delle nuove generazioni guidare il cambiamento democratico con cui superare la disumanità di un mondo diviso in sfruttatori e sfruttati. Anche nella civilissima Italia. A gennaio 2014 ho fondato con un gruppo di ragazzi universitari e liceali l'associazione ParlaMente, che si propone di promuovere lo scambio di idee tra i giovani di ogni orientamento politico. Ascolto De André e i Queen, leggo George Orwell e Stephen King, adoro la saga di Rocky. Non mi piace l'ortodossia e non tollero l'intolleranza.

#Spagna, è finito il bipartitismo

La democrazia spagnola al guado dopo quarant’anni di bipartitismo. Quattro correnti diverse dalla forza molto simile fanno da sfondo alle elezioni più incerte dalla fine del regime franchista, il tutto reso più complicato dalla legge elettorale del paese. Sebbene il sistema spagnolo sia bicamerale, il governo deve ottenere la fiducia solo dal Congresso dei Deputati. Esso è composto da 350 …

Read More »

Liberali, liberisti, libertari e libertini

Una volta le parole indesiderate venivano bandite. Oggi invece accade esattamente il contrario, nella società dello spettacolo in cui siamo immersi. E così interi concetti vengono spogliati, banalizzati, commercializzati. Ogni anno, tra riforme politiche e innovazioni tecnologiche, vengono proclamate tre o quattro rivoluzioni. Roba che neanche la Pravda negli anni Trenta. Se il regime fascista esistesse oggi, l’Internazionale Football Club …

Read More »

#Curcio, ex-BR: “I giovani devono lottare, ma senza violenza”

Parla con voce pacata e con chiarezza metodica, Renato Curcio. Il luogo è la Palestra Lupo di Catania, in passato luogo di degrado e sprechi che oggi è stato recuperato da un collettivo. Il tema è di quelli che non sono mai stati esplorati abbastanza, forse per la loro complessità. E’ strano che oggi uno degli strumenti più utilizzati nelle …

Read More »

Il #centrosinistra è morto (da vent’anni)

Ci voleva Carlo Freccero per decifrare in toto l’albero genealogico del renzismo. “Se Berlusconi è il papà, c’è anche una mamma: la mamma è la Margherita, a cui appartiene Anzaldi. Renzi è un giovane-vecchio democristiano, per cui tutto ciò che è di sinistra deve essere abolito, cancellato. Ora tutte le leggi sono fatte per mettere un solo uomo al comando”. La …

Read More »

Se rivince #Tsipras

Essere potenti è come essere una signora: se hai bisogno di dimostrarlo vuol dire che non lo sei. A dirlo era Margaret Thatcher, il cui profilo da lady di ferro è tanto simile a quello di Angela Merkel. Perché colei che ha aperto le frontiere tedesche è anche quella che ha sbattuto le porte in faccia alla prima vera speranza …

Read More »

Qualcuno era socialdemocratico

Qualcuno era socialdemocratico perché credeva che in fondo il capitalismo potesse avere un volto umano. Qualcuno lo è diventato più tardi, perché dopo la caduta del Muro era meglio mandare in soffitta Marx, le falci e i martelli. In buona fede o per opportunismo, da venticinque anni la sinistra si è spostata su posizioni sempre più moderate. Poi è diventata …

Read More »