Antonino Roseto

#Renzi, i migliori alleati di #Berlusconi siete voi

Emiliano in Puglia, De Luca in Campania, Rossi in Toscana, Marini in Umbria, Ceriscioli nelle Marche. Cinque regioni al centro-sinistra contro le due al centro-destra: Toti in Liguria e Zaia in Veneto. A prima vista potrebbe sembrare una vittoria per la sinistra. Potrebbe. Perché dipende di quale sinistra stiamo parlando. A prima vista potrebbe sembrare una vittoria di Renzi. Potrebbe. …

Read More »

#MafiaMaps, l’app che scuote le coscienze

23 Maggio. Non è una data qualunque. Il 23 Maggio del 1992, ci fu la strage di Capaci, in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, e Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, tre agenti della scorta. Il 23 Maggio termina anche la campagna di crowdfunding per MafiaMaps (per donare: www.mafiamaps.it). No, non è una data qualunque. E …

Read More »

La #BuonaScuola è quella che è scesa in piazza

La Buona Scuola, quella buona davvero, il 5 Maggio era in piazza. La Buona Scuola, quella buona davvero, è quella che il 5 Maggio ha scioperato. Le nostre considerazioni sulla Buona Scuola, quella di Renzi, le abbiamo già fatte. E da allora, non abbiamo cambiato idea. Non bisogna nascondersi dietro l’alibi eterno del ‘senza le riforme il Paese non va …

Read More »

Nel ricordo di Vittorio #Arrigoni

Il 15 Aprile di 4 anni fa, veniva ucciso Vittorio ‘Vik’ Arrigoni. Fu prima rapito, e poi strangolato. Non servono troppe parole per dire chi è stato Vittorio Arrigoni. Vik era un attivista, ha operato in tanti Paesi, impegnato nella manutenzione e costruzione di alloggi per senzatetto, per disabili, per i profughi di guerra. Poi arriva in Palestina. Vede. La …

Read More »

La vergogna della #Diaz ha un nome: #tortura

Venne aggredita con una manganellata in testa, con una violenza inaudita. Cadde a terra e svenne quasi subito. La presero a calci, la sollevarono, le sbatterono la testa contro un armadio. La lasciarono a terra in un lago di sangue. Era svenuta troppo presto. Non urlava nemmeno. Non c’era gusto a picchiarla. Se ne andarono ridendo. A terra, tremante per …

Read More »

La disumanità delle #frontiere

Morti di freddo. Due iracheni sono morti di freddo. Erano insieme ad altri 10. Stavano cercando di entrare in Bulgaria dalla Turchia. Erano iracheni Yazida. Gli iracheni Yazida, fin dal XVII secolo sono stati perseguitati dai musulmani e dai cristiani dell’Iraq. In Bulgaria cercavano asilo. Sono stati spogliati di tutti i loro averi. Sono stati picchiati. Il gruppo è stato …

Read More »