Archivi Autore: Antonino Roseto

#MareNostrum, Restiamo umani!

Soffocante. È questa la sensazione che ho provato, quando ho letto la notizia della fine dell’operazione Mare Nostrum. Soffocante. E non ho usato questo termine a caso. Perché, molto più che per me, è soffocante soprattutto per i migranti. Perché quando, insieme ad altre 100 persone, sei nella stiva di una barca che ne può contenere al massimo 10, quando ...

Leggi Articolo »

I #diritti al ribasso, questa non è #Sinistra

Se questo articolo avesse bisogno di un sottotitolo, sarebbe ‘la lotta contro i più deboli’. È una caccia all’uomo.  Con buona pace di quella filosofia di sinistra, di portare avanti tutti quelli che sono rimasti indietro. Nel Ventennio…ops, ai giorni nostri, i più deboli vengono manganellati. Vengono picchiati e lasciati morire. Vengono abbandonati all’emarginazione. A Roma, durante la manifestazione dei ...

Leggi Articolo »

Stefano #Cucchi, la vergogna di uno Stato

Le lacrime. Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, è scoppiata in lacrime. Lacrime trattenute troppo a lungo.  È sempre stata forte, Ilaria. È stata forte di fronte alle foto di suo fratello, pieno di lividi. È stata forte di fronte a una difesa che distruggeva l’immagine di Stefano. È stata forte di fronte all’ipocrisia, all’atteggiamento vigliacco di chi ha cercato di ...

Leggi Articolo »

#StopTheWar, siamo tutti assassini

“In questi tempi di guerra non deve essere un crimine parlare di pace”. Cosi recita un passaggio del libro ‘Lettere contro la guerra’ di Tiziano Terzani. No, non deve essere un crimine. Il crimine è la guerra. E, per quanto possa essere banale dirlo, voglio ripeterlo. Il crimine è la guerra. Tutte le guerre. Anche, e soprattutto, quelle travestite da ...

Leggi Articolo »

Chiamateli #extracomunitari o #immigrati, io li chiamo #fratelli

Oggi mi sono fermato a parlare. Con un signore anziano. Ogni mattina, quando vado all’università lui è lì, vicino a una pasticceria. Ogni pomeriggio, quando rientro, lui è sempre lì. Con un cappellino a dirti buonasera, sulla sua sedia a rotelle, perché gli manca una gamba. Ogni giorno passo e lo vedo li con un sorriso, malinconico. Ogni tanto mi ...

Leggi Articolo »

La #BuonaScuola, se #Renzi si fosse ispirato a #Cuba

C’era una volta Friedrich. Un bambino tedesco che vuole diventare ingegnere. In Germania, però, il suo futuro viene deciso quando ha 10 anni. Solo ai migliori viene permesso di frequentare il Gymnasium, che garantisce un’istruzione generale approfondita. E poco importa se magari quel bambino a 10 anni, a scuola, non ha risultati eccellenti perché magari ha problemi a casa, o ...

Leggi Articolo »