Federico Carolla

Sono nato il 13 agosto 1993 a Cittadella (Padova), da padre napoletano e madre padovana, ma ho sempre vissuto in Brianza, affidandomi poi a Manzoni per descrivere agli altri le mie terre. Nel 2012 ho conseguito la maturità scientifica (Piano Nazionale Informatica - approfondimento di matematica) presso il Liceo M. G. Agnesi di Merate, che ha rappresentato per me una formidabile palestra di vita, dove ho conosciuto compagni dalle qualità straordinarie e dove, soprattutto, ho capito di avere sempre fame (di fama) nella vita. Successivamente ho intrapreso il percorso di studi che mi impegna ancora ora; in particolare, frequento il Corso di Laura Magistrale in Giurisprudenza presso l'Università Commerciale Luigi Bocconi a Milano. Sebbene inizialmente coltivassi il sogno di diventare un magistrato, affascinato da figure mitiche come Falcone, Borsellino, Caselli e Colombo, oggi non ritengo di avere (purtroppo o per fortuna) un unico interesse, ma preferisco spaziare fra diversi campi in cerca di quello che possa meglio realizzarmi. All'università, tuttavia, ho avuto modo di confrontarmi con ambienti e situazioni differenti, di competere con persone proveniente da tutto il mondo e di fare alcuni soggiorni di studio all'estero. Sono un appassionato di ciclismo, a dispetto del fisico robusto, e d'estate adoro andare in barca a vela. Nel 2012 ho intrapreso la poco fortunata fortuna di romanziere col libro "L'uomo in bicicletta", Editrice Uniservice; tuttavia, è stata una di quelle esperienze utili nella vita che mi hanno fatto conoscere meglio il mondo reale e hanno definitivamente impresso dentro di me il bisogno di scrivere. Successivamente ho intrapreso la strada del web, diventando, con alcuni amici, blogger fondatore di Sblogghiamoci con l'intento di creare una piattaforma virtuale di approfondimento e confronto sui temi dell'attualità e della cultura per far dialogare e discutere i giovani. Resomi presto conto dei limiti che un mezzo del genere può offrire, insieme a questi amici, con le stesse finalità, abbiamo dato vita alla creatura che più ci rappresenta nel mondo reale: l'associazione CambiaMenti. Un movimento in perenne divenire a cui affidiamo i nostri più preziosi sogni e le nostre più forti ambizioni. Sono appassionato di politica, cinema, letteratura, filosofia e musica; credo fortemente in un progetto Europeo che porti alla cancellazione delle frontiere nazionali.

#Referendum, che tristezza di dibattito

Domenica 17 aprile gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per esprimersi in merito al seguente quesito:  “Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio …

Read More »

#Elezioni: il banco di prova del #M5S

Le prossime elezioni amministrative non sono ancora entrate nel vivo della campagna elettorale, ma fanno già discutere da tempo. Anzitutto, per una certa vaghezza sia nei nomi dei candidati, che continuamente mutano in genere e specie, sia nella data: presumibilmente sarà domenica 5 giugno, con buona pace per chi sfrutterà il maxi – ponte, che secondo il Ministro Alfano coinvolgerà …

Read More »

Perché una nuova #Europa può salvarci

Alla frontiera tra Macedonia e Grecia si accalcano migliaia di migranti, stremati dal viaggio, con vite cariche di abbracci spezzati e in fila per un panino al giorno. Poche centinaia al giorno passano il confine, sicuri di avercela finalmente fatta, dopo un viaggio costoso ed estenuante tra due continenti, senza sapere che la potente e sana Europa li esporrà ad …

Read More »

#Tarantino: un’ottava sinfonia un po’ stonata, ma orecchiabile

Spenti alcuni bollori tra chi ha difeso The Hateful Eight per partito preso e tra tutti quei detrattori dell’ultima ora che hanno goduto nell’allinearsi a quella retorica social per denigrare un film, che, tra alti e bassi, comunque si conferma di qualità, possiamo allora anche noi ragionare con maggiore calma e sottolineare alcuni punti pregevoli dell’ultimo lavoro di Quentin Tarantino …

Read More »

Fermati e rifletti (prima di scrivere su #Facebook)

In ordine sparso oggi si ricevono inviti, da più parti, ad “aprire gli occhi”, a “studiare”, ad “approfondire”, soprattutto in faccende che appaiono vitali per essere un cittadino responsabile ed informato. Dopodiché periodicamente tornano ad essere virali le statistiche di ISTAT od OCSE sull’analfabetismo di ritorno, che, dati alla mano, sembra essere una piaga notevole, soprattutto in Italia. Perciò, gli …

Read More »

#Cinema, troppe ombre per Macbeth

Uscito nelle sale all’inizio del 2016, il “Macbeth” di Justin Kurtzel si propone come il tributo a Shakespeare più significativo dell’ultimo periodo. In una Scozia selvaggia e barbara alla Braveheart, ma dalle atmosfere oniriche, va in scena una fedele rappresentazione della tragedia shakespeariana per eccellenza. La fedeltà ai dialoghi originali dà senz’altro un contributo decisivo alla teatralità della recitazione, sebbene …

Read More »