DanielWalker

Ho 19 anni, sono uno studente, appasionato di politica, giornalismo, filosofia, telefilm. Mi definisco con orgoglio di Sinistra, sogno un paese moderno, solidale, attento ai diritti di tutti. Collaboro anche con "The Post Internazionale". Spero, nel mio piccolo, di dare in Qds voce a chi ne ha poca, parole a chi ha paura, speranza ai disillusi.

L’inarrestabile progresso della decrescita

“Oggi l’economia è fatta, per costringere tanta gente, a lavorare a ritmi spaventosi per produrre delle cose per lo più inutili, che altri lavorano a ritmi spaventosi, per poter comprare, perché questo è ciò che da soldi alle società multinazionali, alle grandi aziende, ma non dà felicità alla gente. Io trovo che c’è una bella parola in italiano che è …

Read More »

Io non festeggio, I’m sorry Obama.

Mettiamo le cose in chiaro: io penso che Bin Laden fosse un porco bastardo. Ma le immagini degli americani in giubilo per la morte di un essere umano, le parole “giustizia e libertà” pronunciate da Obama per commentare un’ esecuzione in cui è morta anche una donna “scudo umano”, mi hanno riempito di orrore. Io non mi presto al gioco …

Read More »

Il royal wedding di Sinistra?

Immagino che i lettori di “Qualcosa di Sinistra” non siano proprio in orgasmo per il royal wedding. Eppure sarebbe sciocco ridurre un evento a cui assisteranno 2 miliardi di telespettatori, trasmesso dai maggiori network planetari, occidentali e non, a puro gossip. Stiamo comunque parlando del futuro capo di stato di uno dei paesi più ricchi e potenti del globo. La …

Read More »

Siamo tutti compagni

Oggi il ricordo ed il pensiero non possono che andare alle donne e agli uomini morti per la loro, per la nostra libertà. Non so dove mio nonno e tanti altri come lui abbiano trovato il coraggio, adolescenti, di rischiare la propria vita per la Democrazia. Ragazze e ragazzi che hanno fatto la Storia con le loro braccia, con le …

Read More »

Il soldato della pace

“Restiamo umani”. Oggi suonano tragicamente ironiche le parole che soleva ripetere Vittorio Arrigoni, il soldato della pace assasinato dalle bestie che lo avevano sequestrato. Arrigoni ha dato anima e corpo ai più deboli del pianeta, come Cristo. E come Cristo è stato punito con ferocia: segno che la non violenza fa paura ai disseminatori di morte. In un mondo in …

Read More »

Qui si rischia il Regime.

Dopo la proposta di abolire la norma costituzionale che impedisce la ricostruzione del partito fascista, dopo il manifesto dei “responsabili” copiato da scritti di gentiliana memoria, a chiudere il cerchio ci ha pensato Roberto Castelli: “con gli immigrati non possiamo usare le armi. Per ora.”. Non sono retorico nel dire che ho paura per la tenuta democratica di questo Paese. …

Read More »