#PrimalePersone non resti uno slogan

La piazza di sabato era qualcosa di indescrivibile. Lo era a tal punto che ben due turiste, una brasiliana prima e una russa poi, mi hanno chiesto sbalordite cosa stesse succedendo e quando hanno saputo che la mobilitazione era per i diritti dei migranti e la dignità umana in generale contro il razzismo quasi non ci credevano. “Nel mio paese in genere protestano solo per i propri diritti“, ha concluso la turista russa. “Wonderful“.

Non era una manifestazione di “sinistra” in senso stretto, era una manifestazione di popolo e c’erano proprio TUTTI quelli che credono in una società diversa da quella fondata sull’odio e sulla paura che piace tanto a chi sta al governo. Quella dei capri espiatori, che sono sempre quelli alla base della piramide, mai chi sta ai vertici. 

La stragrande maggioranza di quel popolo, che è un popolo che si riconosce nei valori e negli ideali di una società aperta, plurale e dove vengano rispettate tutte le libertà tranne quella di sfruttare il lavoro di altri esseri umani, non ha una adeguata rappresentanza politica. Non è un problema di partito, è un problema anche di cultura.

 

La netta vittoria di Zingaretti, che per la sua campagna alle primarie ha usato proprio lo slogan “Prima le Persone“, archivia una stagione a sinistra e nel PD di ubriacatura per l’uomo della Provvidenza, che come avevamo previsto 5 anni fa (in misura molto più contenuta rispetto al disastro attuale) avrebbe prodotto solo danni. Quello stile prettamente craxian-berlusconiano dell’era Renzi può portare al 40% (quando va a votare solo il 50% dell’elettorato), ma sul lungo periodo l’arroganza, le battute, il disprezzo per le minoranze non pagano. Tanto che Renzi ha portato il PD al suo minimo storico.

Zingaretti non può fare l’anti-Salvini ma l’auspicio è che ricucia le ferite e gli strappi inferti dall’era Renzi, ricostruendo un orizzonte politico che ricompatti un popolo attorno a un’idea di società diversa, che passi da una cultura di sinistra aperta e plurale con ideali non negoziabili e, soprattutto, politiche coerenti con l’elettorato che la Sinistra ha smesso di rappresentare.

Combattere la povertà, garantire a tutti un lavoro con uno stipendio dignitoso, non significa indugiare nell’assistenzialismo, significa togliere terreno sotto ai piedi alle polemiche populiste di Salvini e soci: così si combatte il sovranismo forte coi deboli e debole coi forti, evitando guerre tra poveri e cominciando a indirizzare le nostre attenzioni a chi si è arricchito sempre di più e queste guerre fratricide le incoraggia per mantenere intatte le proprie rendite e privilegi.

Tutto ciò significa non solo tornare tra la gente, ma cominciare a lavorare “per la gente”. Quanti attuali dirigenti del centrosinistra sono disponibili a rinunciare ai salotti e scendere dall’Olimpo nel quale si sono rintanati (e rintontiti)? Vedremo. 

Noi comuni mortali facciamo in modo che anzitutto nel nostro piccolo quel “Prima le persone” non resti un mero slogan o il titolo di una manifestazione. 

Commenta con il tuo account Facebook

About Pierpaolo Farina

Classe 1989, milanese, blogger, sociologo, scrittore. Nel 2009 ho creato enricoberlinguer.it, nel 2010 il blog Qualcosa di Sinistra. Sono il padre di WikiMafia - Libera Enciclopedia sulle Mafie, co-fondata nel 2012 insieme a Francesco Moiraghi. Nel 2013 ho scritto il libro "Casa per Casa, Strada per Strada". Nel 2014 mi sono laureato in Scienze Sociali con una tesi su Mafia e Capitalismo con Nando dalla Chiesa. Nel 2015 ho dato vita a MafiaMaps, prima app antimafia. Scrivo per riviste scientifiche, mi occupo di comunicazione politica e social media. Last but not least, fotografo con Sophie, la mia Canon 6D.

Check Also

Il miglior regalo per #Falcone

“Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando …

Lascia un commento